Aisha, un libro per spiegare ai bambini la malattia

Presentate in ospedale le avventure della scimmietta e del suo cuoricino raffreddato Bumbùm. Una storia dedicata ai bambini affetti da cardiopatia congenita.
Stampa Pagina

Aisha, un libro per spiegare ai bambini la malattia

Presentato ai pazienti dell'ospedale Bambino Gesù un libro pensato per loro, per accompagnarli nella comprensione e nel superamento della malattia, e destinato a tutte le cardiochirurgie pediatriche d'Italia. E' il libro Le fiabe di Aisha, una fiaba che nasce dall'esperienza personale dell'autrice, Sandra von Borries. "Un libro che ho scritto per mia figlia, ma anche per tutti quei bambini che si trovano a vivere la malattia. E per quei genitori che vorrebbero aiutarli nel complesso e talvolta lungo percorso di cura". 

Sandra von Borries è una biologa-genetista, scrive libri di informazione scientifica per le scuole e testi per le canzoni. Ma è soprattutto una mamma che ha dovuto affrontare la malattia della figlia, nata con una cardiopatia congenita, la Tetralogia di Fallot. 
"Qualche anno fa, mentre guardavo mia figlia Paola, che a soli 2 anni e mezzo stava affrontando il suo secondo intervento al cuore, ho pensato che avrei voluto aiutarla. Volevo prepararla all'ospedale, ai camici, all'intervento. Alla solitudine che avrebbe provato in alcuni momenti, nei quali l'accesso alla mamma a al papà non sarebbe stato consentito. Con un linguaggio che fosse il suo. Che le desse l'illusione di poter comprendere fino in fondo ciò che stava vivendo. È nato così il personaggio di Aisha, la scimmietta coraggiosa che avrebbe aiutato Paola a capire".

Con questa nobile aspirazione nasce il libro Le fiabe di Aisha, che raccoglie le storie di una scimmietta che compie un percorso che va dalla malattia all'ospedale e, passando per l'intervento al cuoricino malato Bumbùm, si conclude con l'accettazione della cicatrice. "La cicatrice come qualcosa che ci rende speciali, e non diversi, nell'accezione negativa del termine".

"Quando si esce da un'esperienza così intensa - spiega l'autrice - si sente l'esigenza di dover in qualche modo aiutare gli altri. Mia figlia adesso ha 12 anni e sta bene, e questo mi ha motivata ancora di più a fare qualcosa che potesse essere utile anche per gli altri"

Il libro, con la prefazione di Andrea Bocelli e le illustrazioni di Frank Espinosa, è accompagnato da un cd contenente le tracce della lettura delle fiabe e due canzoni composte dal musicista Enrico Andreini, tutto interpretato da Paola Cortellesi, che "si è prestata subito, con molta partecipazione e semplicità".
"Uno dei miei sogni si sta realizzando: grazie a una nuova sponsorizzazione sono riuscita a regalare le copie del libro a tutte le cardiochirurgie pediatriche d'Italia".

L'altro? "Che almeno un bambino possa essere aiutato dalle mie fiabe. Quello rappresenterebbe per me il più grande successo".