Caldo e disidratazione

Stampa Pagina

Riconoscere e prevenire la disidratazione è facile… come bere un bicchiere d'acqua!
Il corpo normalmente disperde il calore attraverso la sudorazione, quando la temperatura dell'ambiente è più elevata di quella della pelle: è l'unico meccanismo di raffreddamento a sua disposizione. Condizioni di caldo estremo, ridotta ventilazione o affollamento possono quindi favorire la disidratazione.
I bambini, specialmente i più piccoli, sono particolarmente a rischio per il loro rapido metabolismo e per la particolare distribuzione dei liquidi corporei. La disidratazione può essere lieve, moderata o grave, a seconda della quantità di liquidi persi, cui si accompagna perdita di sali. La diagnosi è clinica: per sospettarla e definirne l'entità bisognerà osservare i possibili segni e sintomi.

LEGGI ANCHE: Disidratazione

Come difendersi dal caldo nei mesi più a rischio?

Evitare l'esposizione diretta al sole e limitare l'attività fisica nelle ore più calde della giornata, utilizzare abiti leggeri, refrigerare e areare le abitazioni tenendo chiuse le finestre esposte al sole o utilizzando tende, garantire un giusto apporto di acqua durante la giornata, bevanda ideale per una corretta idratazione, evitando quelle zuccherate e gasate il cui effetto dissetante dura solo pochi minuti.
Qualora nonostante tali accorgimenti il bambino vada incontro a disidratazione va condotto presso il pronto soccorso dove un semplice prelievo permetterà di valutare le perdite e la concentrazione degli elettroliti nel sangue con le quali si deciderà per la reidratazione migliore.
Da preferire sempre quella con soluzioni reidratanti fredde per bocca, a piccoli sorsi riservando la correzione per via endovenosa solo ai casi più gravi che richiedono l'ospedalizzazione.

LEGGI ANCHE: 5 cose da sapere su bambini e sole

LEGGI ANCHE: Come evitare i colpi di calore


Approfondimento tratto dall'uscita di luglio del magazine 'A scuola di salute' a cura dell'Istituto Bambino Gesù:

Scarica il pdf