Chirurgia della Colonna

Responsabile: Dott. Marco Crostelli


Sede: Palidoro - (Via Torre di Palidoro - Fiumicino) - Padiglione exDiabetario

mail: chirurgiadellacolonna@opbg.net

Dalla sua apertura, oltre 30 anni fa, la sede di Palidoro ha avuto una notevole valenza nell'ambito della chirurgia vertebrale, sia a carattere nazionale che internazionale

 

Viene effettuato il maggior numero di interventi a livello nazionale, sia per via anteriore che per via posteriore.

 

La Struttura di Chirurgia della Colonna è al primo posto per casistica e per gradiente di difficoltà nel Centro sud per l'utilizzo di tecniche e metodiche innovative. 

Tra queste  un ruolo importante lo riveste il trattamento di scoliosi congenite da emispondilo con l'asportazione dell'emivertebra per sola via posteriore con risoluzione della scoliosi. Risultando essere la struttura in Italia che esegue il maggior numero di interventi con questa particolare tecnica chirurgica e con la più ampia casistica

L'uso delle viti peduncolari ad ogni livello vertebrale, sia toracico che lombare per la correzione delle scoliosi, pone la struttura di patologia vertebrale in linea con i principali centri mondiali che si occupano di queste patologie. È inoltre tra le poche strutture con un'ampia casistica ed esperienza nel trattamento chirurgico della patologia cervicale in età pediatrica e giovanile.

 

È tra i centri di riferimento nazionale per la patologia vertebrale, è sede di visite e stages da parte di colleghi italiani e esteri, è inoltre sede di corsi di chirurgia vertebrale a carattere nazionale.

L'attività è rivolta alla diagnosi e trattamento della patologia vertebrale nella età evolutiva.

 

 

- Colonna dolorosa

Vengono effettuate la diagnosi e il trattamento delle rachialgie di qualunque origine, quali quelle secondarie a spondilolisi, spondilolistesi, lesioni infettive e tumorali, ernie discali. 

Alla chirurgia tradizionale si affianca la chirurgia vertebrale mini-invasiva, che si avvale di tecniche endoscopiche videoassistite per le artrodesi e/o decompressioni vertebrali. Tali tecniche innovative riducono in maniera sensibile i tempi di ospedalizzazione e di ripresa funzionale.

 

- Deformità vertebrali:

 

Scoliosi
Questo termine indica una deviazione laterale della colonna vertebrale. Esistono forme diverse di questa affezione; quella più frequente, la Scoliosi Idiopatica, colpisce più spesso il sesso femminile, durante l'adolescenza. La diagnosi precoce è di grande importanza ai fini del successo del trattamento; infatti un trattamento precoce consente di evitare l'aggravamento della deformità durante il periodo dell'accrescimento. Il tipo di trattamento viene stabilito sulla base della gravità della scoliosi, della sua progressione e della età del paziente. Il trattamento può essere conservativo o chirurgico.

Il trattamento conservativo si avvale innanzitutto dell'impiego di busti, da indossare per un periodo di tempo quotidiano variabile da caso a caso. Nelle forme più gravi si ricorre all'applicazione di gessi, con i quali si ottiene una riduzione progressiva della scoliosi; in genere si ricorre a 2-3 gessi per un totale di 3-4 mesi e successivamente si applica un busto, allo scopo di mantenere la correzione ottenuta. Il trattamento conservativo deve essere prolungato sino al termine dell'accrescimento.

Al trattamento chirurgico si fa ricorso nelle scoliosi molto gravi, eseguendo una artrodesi posteriore o anteriore e posteriore, associata a fissazione segmentaria. Le tecniche attuali consentono di evitare l'impiego di gessi o busti, dopo l'intervento, consentendo una più rapida ripresa delle normali attività.

 

Cifosi
Questo termine indica una accentuazione della normale curva anteriore della colonna dorsale. Colpisce più frequentemente il sesso maschile. In alcuni casi essa è legata a un disturbo della crescita vertebrale (Cifosi osteocondritica o Malattia di Scheuermann).

Anche in questa affezione è fondamentale una diagnosi precoce e il trattamento conservativo si avvale di busti o gessi e busti. Il ricorso al trattamento chirurgico è poco frequente.

Medico

Marco Crostelli

Osvaldo Mazza

La struttura si avvale di uno specifico Ambulatorio di Patologia Vertebrale.