Nuovo Coronavirus: 10 cose da sapere

Come si trasmette, qual è stata l'origine dell'infezione, quando rivolgersi al medico: 10 cose da sapere su SARS-CoV-2 e COVID-19.
Stampa Pagina

18 febbraio 2020


Il 9 gennaio 2020 l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato l'esistenza di un nuovo ceppo di Coronavirus, mai incontrato prima nell'uomo: il SARS-CoV-2. Il nuovo virus è stato identificato in Cina e fa parte della stessa famiglia dei virus che causano la Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS) e la Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS). Il SARS-CoV-2 è responsabile dei casi di COVID-19, sigla decisa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per indicare la malattia causata dal nuovo Coronavirus cinese ("CO" per "corona", "VI" per virus e "D" per "disease", che vuol dire "malattia" in inglese).

1) NUOVO CORONAVIRUS: COME SI TRASMETTE
Il pericolo maggiore del nuovo Coronavirus deriva dalla sua capacità di trasmettersi da uomo a uomo, confermata dalla Commissione Sanitaria Nazionale Cinese. Il SARS-CoV-2 si trasmette per via aerea, in particolare attraverso le goccioline di saliva nell'aria.

2) QUAL È STATA L'ORIGINE DELL'INFEZIONE
Si pensa che il contagio sia partito da animali infetti, in particolare dai pipistrelli. Molte delle persone che si sono ammalate all'inizio lavoravano o facevano spesso la spesa in un mercato della città cinese di Wuhan, dove si vendono anche animali vivi e appena macellati.

3) QUANTI SONO I CASI SEGNALATI
Il numero di casi segnalati e di Paesi coinvolti viene riportato e aggiornato costantemente dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. 

4) QUALI PRECAUZIONI SONO STATE ADOTTATE
In seguito allo scoppio dell'epidemia, i festeggiamenti per il Capodanno Cinese sono stati in gran parte cancellati e Wuhan e altre città cinesi sono state messe in quarantena. In tutta la Cina, le autorità raccomandano di evitare luoghi pubblici e affollati.

5) DOVE SI SONO VERIFICATI I CASI DI CONTAGIO
Il virus è rapidamente arrivato al di fuori della Cina, diffondendosi dapprima in Paesi Asiatici come Giappone, Corea del Sud, Thailandia e Vietnam e successivamente in tutto il mondo, Europa e Italia comprese.

6) QUALI SONO I SINTOMI DELLA COVID-19
I sintomi sono molto simili a quelli dell'influenza: tosse, febbre, a volte diarrea, difficoltà respiratorie e, in alcuni casi, polmonite. Nei casi più gravi si può andare incontro a insufficienza di molti organi ed apparati che può essere letale.

7) LE DIFFICOLTÀ DA SUPERARE
Alcune persone sembrano soffrire solo di una forma lieve di COVID-19, mentre altre presentano forme molto più gravi. Questo rende difficile stabilire con certezza il numero reale di persone infette.

8) NUOVO CORONAVIRUS, PUÒ ESSERE CURATO?
Non esiste al momento una cura per la COVID-19, né un vaccino contro il SARS-CoV-2. Si tratta di un'infezione virale, quindi gli antibiotici non servono a nulla. I malati vengono ricoverati in ospedale, in isolamento, gli vengono somministrati liquidi e vengono adottati i trattamenti più idonei per l'insufficienza respiratoria e degli altri organi.

9) QUANDO RIVOLGERSI AL MEDICO
Se dovessero comparire sintomi come febbre, tosse, mal di gola, mal di testa potrebbe trattarsi dell'influenza stagionale. Consultare il medico in caso di sintomi più gravi come dolori al petto e difficoltà respiratorie.

10) I CONSIGLI PER EVITARE IL CONTAGIO
Per evitare il contagio si consiglia di lavarsi spesso le mani, di starnutire e tossire in fazzoletti usa e getta, di evitare il contatto con persone che presentano sintomi sospetti.

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

Sfoglia online il Percorso di Cura e Salute sul nuovo Coronavirus:


a cura di: Guido Castelli Gattinara
Centro Vaccinazioni
in collaborazione con: