EMDR per il trattamento del trauma

È un intervento per la cura di disturbi causati da eventi stressanti o traumatici, anche legati alla lunga ospedalizzazione
Stampa Pagina

09 novembre 2018

CHE COS'È
Quando ci sono disturbi causati da eventi stressanti o traumatici, anche legati alla lunga ospedalizzazione, un trattamento di intervento e cura del trauma è l'EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing vale a dire desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari), una tecnica psicoterapeutica che sfrutta i movimenti oculari alternati, o altre forme di stimolazione, favorendo così una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali e una rielaborazione delle memorie traumatiche per valorizzare le risorse personali e la salute fisica e psichica della persona.
Bambini che soffrono sul piano emotivo, che hanno comportamenti inspiegabili, possono aver vissuto una o più esperienze traumatiche, come un incidente, un evento spaventoso (malattia, intervento chirurgico, terremoto), la morte di un famigliare o essere stati vittime di bullismo, di aggressione, di abuso fisico o sessuale.
La mente dopo questi eventi spesso non riesce a registrare in modo chiaro e corretto tali eventi che continuano a generare disagio e malessere emotivo in chi li ha vissuti. Il meccanismo naturale di elaborazione di un ricordo viene inceppato e la persona continua a vivere nel presente l'esperienza traumatica passata. La paura intensa, il senso di pericolo e di impotenza ad affrontare la situazione generano nella mente uno stato di allarme.
L'essere stato vittima di un evento traumatico porta a conseguenze che possono essere riscontrabili non solo a livello emotivo, ma lasciano il segno anche nel corpo di chi è sopravvissuto a uno di questi eventi. Ad esempio nei bambini è possibile che compaiano sintomi come enuresi (pipì a letto), encopresi (emissione involontaria di feci), disturbi del sonno, balbuzie.
Negli adolescenti è possibile che compaiano sintomi come: obesità, problematiche dermatologiche (alopecia areata), sincopi. Le ricerche scientifiche hanno dimostrato che le persone che hanno vissuto traumi importanti nel corso della vita portano i segni anche a livello cerebrale, mostrando, ad esempio, un volume ridotto sia dell'ippocampo che dell'amigdala.
Queste scoperte, avvenute negli ultimi anni grazie all'utilizzo di strumenti di indagine sempre più sofisticati, gettano luce una nuova luce sulla stretta connessione tra mente e corpo. 

COME SI PRATICA
È un intervento terapeutico breve che può essere utile con adulti e bambini. Nei bambini è bene intervenire con questa tecnica negli stati iniziali quando i sintomi sono molto forti e non hanno ancora inciso sulla personalità. È bene che l'applicazione dell'EMDR ai bambini sia fatta nello stesso modo di qualsiasi altra terapia, cioè tenendo presente le condizioni di vita del bambino, lo stress famigliare, il contesto scolastico e la motivazione del bambino.
Vanno pertanto prese in considerazione il bisogno di collaborazione e supporto dei genitori, la motivazione del bambino che non ha richiesto in prima persona la psicoterapia, la propensione a non mantenere l'attenzione focalizzata su un argomento.
L'obiettivo dell'EMDR è di mettere in moto l'intrinseco e innato sistema di elaborazione dell'informazione per trasformare le percezioni immagazzinate in modo disfunzionale in percezioni funzionali. Durante una seduta di EMDR viene elaborato il ricordo dell'esperienza traumatica, e quindi si osserva gradualmente che il paziente cambia la sua prospettiva sull'evento, le valutazioni cognitive su di sé, incorporando emozioni adeguate alla situazione ed eliminando le reazioni fisiche disturbanti.
Questo permette in ultima istanza di adottare comportamenti più adattivi, migliorando le abilità concettuali, sociali e pratiche che permettono loro di funzionare nella vita di tutti i giorni. L'esperienza è usata in modo costruttivo dall'individuo ed è integrata in uno schema cognitivo ed emotivo positivo oltre che nel contesto familiare.


a cura di: Maria Francesca Paniccia
Unità Operativa di Psicologia Clinica
I
n collaborazione con: