"Mio figlio non mangia: cosa posso fare?" Il decalogo del Bambino Gesù per i genitori

Domani, 8 marzo, appuntamento aperto alle mamme con gli esperti dell'Ospedale Pediatrico. Testimonial dell'iniziativa Tiziana Stefanelli vincitrice della seconda edizione di Masterchef Italia.
Stampa Pagina

7 marzo 2014

L'avversione di molti bambini verso alcuni tipi di alimenti, in genere frutta e verdura, se troppo accentuata può portare a forme di obesità anche gravi. Al tempo stesso, selettività (scelta mirata di alcuni alimenti da mangiare) e neofobia (paura di entrare in contatto con nuovi cibi), possono innescare disturbi del comportamento alimentare come l'anoressia. Lo sottolineano gli esperti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che ha promosso un incontro dedicato alle famiglie di bambini con difficoltà nell'alimentazione dal titolo "Mio figlio non mangia: come posso fare?", nel quale verrà presentato un decalogo di consigli pratici per gestire il problema. L'appuntamento è domani, 8 marzo 2014, dalle ore 9.30, presso l'Aula Salviati dell'Ospedale (sede Gianicolo, Piazza Sant'Onofrio, 4 – Roma). Partecipazione tramite iscrizione online su www.opbg.net.

IL 30% DEI BAMBINI E' "SELETTIVO". ECCESSO DI PROTEINE ANIMALI NELLA DIETA

La selettività alimentare è un disturbo che riguarda circa il 30% dei bambini, con il picco di incidenza intorno ai 2-4 anni (13%). Di questi bambini, circa la metà perpetua il comportamento oltre questa età, con una tendenza alla cronicizzazione. A influenzare selettività e neofobia sono soprattutto l'alimentazione nei primi anni di vita (allattamento, divezzamento, quantità e qualità di cibo assunto tra 1 e 3 anni) e le "cattive" abitudini familiari.

Come rivela uno studio condotto su un campione di bambini da 1 a 3 anni, il 38% consuma le pappe davanti alla tv, il 25% non mangia a tavola con mamma e papà e 1/3 dei genitori obbliga i propri figli a finire il pasto. Sul versante nutrizionale, invece, l'indagine ha evidenziato eccessi nell'apporto di proteine animali (1/4 dei bambini inizia a consumare il latte vaccino prima della fine del primo anno di vita e mangia carne rossa e pesce più di 3 volte a settimana) che possono portare allo sviluppo di obesità. Buono, invece, il consumo di verdure e frutta: solo il 17% dei genitori dichiara di non riuscire quasi mai a fargliele mangiare. Peccato che questa abitudine si perda nel tempo, dai 4-5 anni in poi, come pure l'abitudine alla prima colazione.

IL DECALOGO DEGLI ESPERTI DEL BAMBINO GESU'

Per garantire ai bambini una alimentazione varia e completa che contenga tutti i nutrienti necessari all'organismo, selettività e neofobia verso gli alimenti dovranno essere vinte attraverso un approccio educativo che permetta di assaggiare e scoprire nuovi sapori senza paura. Ecco come:

1)    Tutta la famiglia deve cercare di avere lo stesso tipo di alimentazione

Il bambino è influenzato a livello sociale nella scelta degli alimenti e tende a mangiare per imitazione. In questo ambito la famiglia ricopre un ruolo cruciale come modello.

 2)    Gli alimenti devono essere riproposti più volte

Il consumo ripetuto di un alimento aumenta il gusto del bambino per l'alimento stesso. È importante non presentare lo stesso piatto in maniera continuativa, ma farlo a distanza di tempo per non generare noia. Sulla tavola devono essere proposti sempre tutti gli alimenti, compresi quelli non graditi dal piccolo, cucinati in maniera differente.

3)    Gli adulti non devono costringere il bambino ad assaggiare un alimento con forza

L'assaggio forzato può accrescere l'avversione del piccolo. Anche proporre un premio a seguito dell'azione (es: "mangia tutte le verdure nel piatto e poi avrai il gelato") non porta il bambino a consumare volontariamente il cibo, piuttosto a sovralimentarsi solo per ottenere il premio.

4)    L'orario del pasto deve essere rispettato

Il pasto deve essere un momento ben preciso della giornata: è opportuno che tutta la famiglia mangi alla stessa ora e alla stessa tavola.

5)    No giochi, no TV

Il pasto è un momento importante, non sono concesse distrazioni. Occorre invitare il piccolo a spegnere la televisione e ad allontanare i giochi. Quindi lasciarlo libero di sperimentare e conoscere gli alimenti presenti sulla tavola.

6)    Organizzare un percorso di familiarizzazione col cibo

Il rifiuto di alcuni alimenti si accompagna spesso al rifiuto ad assaggiare; per portare i ragazzi a provare il sapore di un cibo è necessario stimolarne la curiosità attraverso i sensi: dalla conoscenza alla sperimentazione.

7)    Portarlo a fare la spesa

Mamma e papà possono lasciarsi aiutare dal proprio figlio nella scelta degli alimenti da acquistare. Rendere partecipe il bambino nel momento della spesa lo farà sentire padrone delle proprie scelte.

8)    Coinvolgere il bambino mentre si cucina

Il bambino deve poter prendere confidenza con ciò che ha scelto al supermercato attraverso i 5 sensi in un percorso di "amicizia" con il "nuovo": lavare, sbucciare, tagliare e inventare ricette insieme a mamma e papà per essere invogliato a gustare le proprie "creazioni".

9)    L'ultimo passo: assaggiare insieme

Dopo aver preparato insieme il piatto, mangiare qualcosa che il bambino ha visto nascere e che ha conosciuto in tutte le fasi di preparazione, può rassicurarlo e fargli vincere la neofobia. Se ciò non accade, non forzarlo nell'assaggio, ma riproporre nel tempo e più volte il cibo non amato, in modalità diverse.

10) La cucina diventa una festa

Prendere un cappellino da chef e rendere partecipe il bambino. Il tempo giocherà a favore di tutta la famiglia.

Scarica l'opuscolo dell'evento >>

$titoloGallery

$descrGallery

$titoloGallery

$descrGallery