23ma Giornata Mondiale del Malato

Stampa Pagina

11 February 2015

"Preghiamo Maria affinché ogni persona, nella malattia, possa sperimentare, grazie alla sollecitudine di chi le sta accanto, la potenza dell'amore di Dio e il conforto della sua tenerezza materna."

PAPA FRANCESCO – ANGELUS
Domenica, 8 febbraio 2015

La giornata
La Giornata Mondiale del Malato è stata istituita San Giovanni Paolo II nel 1992 e si celebra da allora ogni anno nella Chiesa l'11 febbraio, memoria liturgica della Beata Maria Vergine di Lourdes. Tra gli scopi della celebrazione di questa giornata c'è quello di sensibilizzare la società civile alla necessità di assicurare la migliore assistenza agli infermi; aiutare chi è malato a valorizzare, sul piano umano e soprattutto su quello spirituale, la sofferenza; favorire l'impegno sempre più prezioso del volontariato; richiamare l'importanza della formazione spirituale e morale degli operatori sanitari.

Iniziative in ospedale

- Esposizione delle reliquie
Durante l'intera giornata sarà possibile visitare 
nella Cappella dell'Ospedale la reliquia di San Giuseppe Moscati, il medico che dedicò tutto se stesso alla ricerca scientifica e all'insegnamento universitario, impegnandosi al servizio ospedaliero nell'assistenza gratuita dei malati più bisognosi.

La reliquia del santo, canonizzato da Giovanni Paolo II, resterà esposta per la venerazione e la preghiera personale, dalle ore 6.30 del mattino fino alle ore 10.00, poi dalle 13 alle 15, infine durante la Santa Messa delle ore 17.00. Nelle altre parti della giornata, la reliquia verrà portata nei reparti a beneficio delle famiglie dei pazienti e del personale impossibilitato a muoversi.

- Bambini dottori
In occasione della XXIII Giornata Mondiale del Malato, i piccoli pazienti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù indosseranno i camici bianchi dei dottori per visitare i loro medici e i loro genitori.
"Oggi vi curiamo noi!" è il nome dell'appuntamento organizzato nellla Ludoteca il Castello dei Giochi del Bambino Gesù, dove verrà allestito per l'occasione "Il Pronto Soccorso dello Zucchero Filato".

«Il senso di questa iniziativa – spiega la dott.ssa Carla Carlevaris, psicologa responsabile del Castello dei Giochi – è far sperimentare attivamente e creativamente ai bambini ciò che sono costretti a vivere passivamente ogni giorno, a causa della loro malattia. E' un gioco di ruolo che serve a trovare un canale di comunicazione diverso con i medici, gli infermieri e gli adulti.
E serve in particolare a noi per capire come i nostri bambini vivono l'esperienza della cura e della terapia».

Le parole di Papa Francesco
«Io ero gli occhi per il cieco, ero i piedi per lo zoppo». Libro di Giobbe, (29,15).

Nel messaggio del Santo Padre Francesco per la XXIII Giornata Mondiale del Malato 2015, Papa Bergoglio si rivolge a tutti quelli che portano il peso della malattia e sono "in diversi modi uniti alla carne di Cristo sofferente". Si rivolge ai professionisti e ai volontari nell'ambito sanitario perché attraverso la sapienza del cuore possano tutti far propria l'invocazione del Salmo: «Insegnaci a contare i nostri giorni / e acquisteremo un cuore saggio».

"Anche quando la malattia, la solitudine e l'inabilità hanno il sopravvento sulla nostra vita di donazione, l'esperienza del dolore può diventare luogo privilegiato della trasmissione della grazia e fonte per acquisire e rafforzare la sapientia cordis". 
"Affido questa Giornata Mondiale del Malato alla protezione materna di Maria, che ha accolto nel grembo e generato la Sapienza incarnata, Gesù Cristo, nostro Signore. O Maria, Sede della Sapienza, intercedi quale nostra Madre per tutti i malati e per coloro che se ne prendono cura. Fa' che, nel servizio al prossimo sofferente e attraverso la stessa esperienza del dolore, possiamo accogliere e far crescere in noi la vera sapienza del cuore".

I numeri dell'accoglienza del Bambino Gesù
La "terapia dell'accoglienza" del Bambino Gesù si sviluppa in una serie di servizi che hanno l'obiettivo di rispondere ai bisogni di salute dei bambini anche attraverso la cura di chi gli sta accanto, con l'aiuto di personale dedicato.
In occasione della Giornata Mondiale del Malato l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù traccia il bilancio delle attività di accoglienza messe in campo nel 2014 per le famiglie e i piccoli pazienti. 103mila pernottamenti gratuiti per le famiglie dei piccoli pazienti ricoverati; 4.500 nuclei famigliari assistiti nelle 190 stanze disponibili, in albergo o in altre strutture dedicate all'accoglienza alloggiativa, per un totale di 103 mila pernottamenti gratuiti.

104 famiglie di piccoli pazienti affetti da patologie complesse trasferite a Roma dalle sedi regionali del Bambino Gesù tramite il programma "Tappeto rosso", mentre 472 nuclei (+47% rispetto al 2013) provenienti da altre regioni e particolarmente bisognosi di assistenza, sono stati affiancati dagli Angeli Custodi, ovvero da tutor che li accompagnano e li supportano durante tutto il percorso, dalla sistemazione in alloggi o strutture alberghiere, al counseling - anche psicologico - per affrontare i momenti di difficoltà. Per le famiglie straniere che non parlano italiano, nel 2014 sono state effettuate 1.800 mediazioni culturali in 37 lingue diverse, sulle 100 che il Bambino Gesù mette a disposizione sia nelle varie sedi dell'Ospedale che nelle case di accoglienza. 100 le Associazioni di volontariato accreditate che all'interno dell'Ospedale promuovono attività a sostegno di bambini e genitori; oltre 3.000 le visite di "speak up" per la verifica della qualità dei servizi percepita dalle famiglie.

L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù assicura oltre 1.400.000 prestazioni ambulatoriali e circa 27.000 ricoveri l'anno, mentre il Dipartimento di Emergenza e Accettazione registra più di 72.000 visite annue.
Infine, circa il 40% dei piccoli pazienti in cura al Bambino Gesù per le patologie più complesse proviene da fuori regione e dall'estero.

Pronto Soccorso dello Zucchero Filato

In occasione della XXIII Giornata Mondiale del Malato, i piccoli pazienti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù hanno indossato i camici bianchi dei dottori per visitare i loro medici e i loro genitori.

Pronto Soccorso dello Zucchero Filato

In occasione della XXIII Giornata Mondiale del Malato, i piccoli pazienti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù hanno indossato i camici bianchi dei dottori per visitare i loro medici e i loro genitori.