"359 volte grazie"!

Stampa Pagina

27 May 2016

L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù aderisce a "Diamo il meglio di noi", la campagna nazionale su donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule promossa dal Ministero della Salute in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti. «Promuovere la cultura della donazione – afferma la presidente Mariella Enoc – significa contribuire a salvare la vita dei bambini».

L'Ospedale della Santa Sede è l'unica struttura sanitaria pediatrica in Europa in grado di rispondere con differenti tecniche operatorie al bisogno di ogni tipo di trapianto di organi solidi (cuore, polmoni, fegato, intestino, reni), di cellule e di tessuti, anche con interventi combinati e multiorgano. Nel 2015 sono stati realizzati complessivamente 359 trapianti.

«Per ognuno di questi trapianti – afferma la presidente Enoc - il nostro sentito grazie va a quanti hanno avuto il coraggio e la generosità di compiere, per sé o per i propri cari, una scelta così difficile eppure così carica di futuro e di speranza. Sono tantissimi i bambini e i ragazzi che grazie alla donazione degli organi, dei tessuti o delle cellule hanno avuto la possibilità di ricominciare una nuova vita. Siamo fieri come Ospedale Pediatrico di poter collaborare con il nostro lavoro e la nostra professionalità alla riuscita di questi trapianti. Promuovere la cultura della donazione non fa bene soltanto ai beneficiari diretti di questo gesto, ma all'intera società, perché favorisce la crescita della solidarietà e del bene comune».

Dal 2007 ad oggi sono stati eseguiti al Bambino Gesù 194 trapianti di rene, 139 trapianti di fegato, 99 trapianti di cuore, 55 impianti di cuore artificiale, 7 trapianti di polmone più 3 trapianti di cuore-polmone, 266 trapianti di midollo autologhi, 659 trapianti allogenici, 636 trapianti di homograft, 238 trapianti di cornea, 106 trapianti di membrana amniotica. Nel 2010 è stato realizzato il primo trapianto di intestino.

L'attività trapiantologica è stata elevata anche nel 2015: i trapianti di cuore sono aumentati del 33%, i trapianti di fegato del 27%. Continua, inoltre, l'incremento dell'attività di trapianto di organo da vivente, che rappresenta ben il 46% dei trapianti epatici e il 29% dei trapianti renali.

Scarica la locandina >>