Acne giovanile e peeling

Può avere ripercussioni psicologiche per molti adolescenti. Vediamo insieme quali sono le cause, come trattarla e come risolverla con il peeling
Stampa Pagina

03 March 2020

PEELING CHIMICO
È una pratica medica che consiste nell'applicazione di particolari sostanze chimiche (quali ad esempio acido glicoico, acido piruvico o acido tricloroacetico) in grado di stimolare la rigenerazione della pelle. Queste sostanze, in diverse concetrazioni, vengono applicate sulla cute per qualche minuto. Il numero di sedute di peeling indicato è variabile da paziente a paziente e viene stabilito dal dermatologo. Sedute ravvicinate di peeling sono di grande sostegno sia per la terapia dell'acne in fase attiva, sia per attenuare alcuni esiti cicatriziali.

L'ACNE E IL TRUCCO
L'acne è purtroppo cronica e crea disagi estetici notevoli, soprattutto alle adolescenti. Il trucco, quando eseguito in modo adeguato e sotto consiglio medico, è decisamente indicato perché contribuisce a rassicurare le ragazze mentre curano l'acne in attesa della risoluzione del problema. 
I risultati delle terapie per l'acne richiedono tempi piuttosto lunghi e questo porta spesso a scoraggiare gli adolescenti, che sono tentanti di sospendere le terapie e di chiudersi in sé stessi, smettendo di frequentare la scuola, l'università, gli amici. In attesa dei primi miglioramenti, la presenza e l'evidenza dei brufoli porta l'adolescente a manipolare brufoli, microcisti e comedoni (punti neri) contribuendo al peggioramento della malattia e alla comparsa di cicatrici permanenti.
Per dare, a chi lo desidera, le indicazioni cosmetiche adeguate è stata avviata da alcuni anni, presso l'ambulatorio infermieristico dell'Unità Operativa di Dermatologia del nostro Ospedale, un'attività conosciuta come camouflage.
Per accedere a tale prestazione, basta prenotare telefonando al numero 0668592509/4628; se la paziente è già seguita da noi l'appuntamento le sarà dato durante la visita dermatologica. In caso di pazienti nuovi che richiedono il camouflage, al momento del contatto telefonico, l'infermiera deciderà se deve eseguire anche la visita dermatologica.


a cura di: Maya El Hachem, Annalisa Ciasulli
Unità Operativa di Dermatologia

in collaborazione con: