L'Associazione Peter Pan Onlus

Abbiamo intervistato Gian Paolo Montini, il Direttore Generale, per farci raccontare come è entrato a far parte di questa grande famiglia
Stampa Pagina

Gian Paolo, come hai iniziato con il volontariato?

"Il volontariato lo avevo nel sangue fin da giovane, mi piaceva aiutare gli altri, passavo i miei fine settimana nei centri di accoglienza della Caritas e sentivo la necessità di passare le ore con chi aveva bisogno. Mi rende felice aiutare il prossimo. Non avrei mai immaginato venti anni fa che avrei lasciato l'azienda di telecomunicazioni nella quale lavoravo per entrare a far parte dell'Associazione. Peter Pan aveva bisogno di un nuovo direttore, mi sono candidato e dopo aver passato la prima selezione esterna, il Consiglio Direttivo di allora mi ha scelto. Io non ho esitato, perché era ciò che desideravo: poter aiutare il prossimo e mettere al servizio dell'Associazione le mie caratteristiche manageriali e professionali".

Quali sono gli scopi dell'Associazione?

"Il nostro scopo più grande è stato offrire alloggi alle famiglie dei bambini ricoverati presso l'Ospedale Bambino Gesù. Abbiamo realizzato La Grande Casa Di Peter Pan e questo è stato un grande intervento che ci ha impegnato sia a livello economico che materiale. Basti pensare che l'80% del tempo i nostri ragazzi lo passano nella Casa, solo una piccola parte in Ospedale. Ecco la necessità di intrattenerli con attività ludiche, con insegnanti che li seguono nelle materie scolastiche e gli psicologi per aiutarli a superare la malattia. Un compito importante è reperire volontari, nella nostra casa ne abbiamo circa 200 ma non bastano mai, anche perché devono coprire sia il giorno che la notte.
È fondamentale il rapporto tra pazienti, associazioni di genitori e il mondo scientifico, al fine di creare un'intesa produttiva. Un altro impegno che stiamo cercando di realizzare è il sostegno per gli adolescenti. È molto importante per loro condividere le proprie esperienze con ragazzi della stessa età che hanno passato i medesimi problemi. Aiutandoli a superare le varie difficoltà del dopo malattia".


Sfoglia online l'ultima uscita del magazine Insieme in OPBG:

Scarica il pdf