Bambino Gesù Basilicata

Nasi rossi e camici colorati per regalare un sorriso ai piccoli pazienti del Centro Pediatrico Bambino Gesù Basilicata
Stampa Pagina

27 giugno 2014

Un appuntamento fisso  quello con Kirikiri, Regolo e gli altri clown volontari dell'associazione "V.I.P. Venosa - Viviamo in positivo e i bambini ricoverati presso il Centro Pediatrico Bambino Gesù Basilicata, che dal 2012 è parte integrante dell'Azienda Ospedaliera Regionale "San Carlo" di Potenza. 

Un pomeriggio di  svago e vitalità, brio e spensieratezza, anima a cadenze periodiche, nelle camere e lungo i corridoi del Centro Pediatrico Bambino Gesù Basilicata. La loro missione è farsi portatori di gioia nelle situazione di disagio. Con il naso rosso e il camice della federazione, i volontari clown vivono la loro missione di gioia contagiando di sorrisi bambini, adulti e anziani in situazioni di disagio fisico o sociale. 

Il servizio clown è svolto presso il Centro Pediatrico Bambino Gesù Basilicata il sabato o la domenica da un gruppo di quattro clown  che una volta indossato  il loro  camice colorato e il naso rosso, portano il loro sorriso nei reparti. Prima di operare nelle strutture ospedaliere i clown, per acquisire le conoscenze e le competenze necessarie per  intrattenere i bimbi e favorire momenti di svago e allegria, seguono un corso di formazione specifico  e si aggiornano continuamente sulle tematiche che riguardano l'igiene, il comportamento ospedaliero, psicologia, crescita personale, comunicazione, oltre che tecniche di clownerie. 

"Il servizio clown è  un momento di allegria anche  per noi- come commentano i volontari- la nostra missione è portare gioia dove si vive un disagio. Con il nostro personaggio clown diventiamo noi stessi bambini, ci divertiamo, giochiamo, ridiamo, piangiamo, cantiamo e creiamo magie, interagiamo e stabiliamo da subito relazioni amicali e ciò rendere più umano il ricovero ospedaliero fornendo stimoli per reagire  alla sofferenza, alla malattia, alla solitudine e al momentaneo distacco dalla vita quotidiana".