Basilicata e Calabria, le nuove convenzioni

Stampa Pagina

21 January 2016

Inizia una nuova fase nel progetto di collaborazione dell'Ospedale con la Regione Basilicata e l'Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza. Dal 1 febbraio chiude il Centro Pediatrico Bambino Gesù - Basilicata e prende il via la nuova convenzione firmata dalla presidente Mariella Enoc, dal direttore generale del San Carlo Rocco Maglietta e dal presidente della Basilicata Marcello Pittella.

La gestione dell'attività assistenziale pediatrica passa in capo all'Ospedale San Carlo. Il Bambino Gesù garantisce la continuità dell'attività di formazione dei medici lucani e di consulenza specialistica attraverso la permanenza degli ambulatori pediatrici di secondo livello e la disponibilità al tele-consulto per i casi di emergenza.

La novità della convenzione è rappresentata dall'attivazione dello screening neonatale esteso per tutti i bambini nati nella Regione Basilicata. Lo screening sarà coordinato dal responsabile dell'Unità operativa di Patologia Metabolica del Bambino Gesù, Carlo Dionisi Vici.

Anche in Calabria la collaborazione tra il Bambino Gesù di Roma e l'Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro si prepara a prendere nuove forme. Fino al 30 giugno 2016 verrà mantenuta l'attuale organizzazione e modalità operativa. Dal 1 luglio la collaborazione procederà invece in modo più snello con un affiancamento della struttura ospedaliera, secondo modalità e tempi da definire con il nuovo primario. Anche in questo caso, come a Potenza, la gestione dell'attività clinico-sanitaria passa all'Azienda regionale, mentre il Bambino Gesù continua a garantire la propria consulenza con attività ambulatoriali di alta complessità, attività chirurgiche e attività formative.