Calendario vaccinale

Stampa Pagina

QUANDO DEVONO ESSERE SOMMINISTRATE LE VACCINAZIONI

Il calendario vaccinale raccomandato dal Ministero della Salute e aggiornato nel tempo, indica la cronologia con la quale è consigliato somministrare i vaccini. I tempi per la somministrazione dei vaccini si basano sulle caratteristiche del vaccino, sulla probabilità che una certa malattia si verifichi in un certo gruppo di età, sull'età e lo stato immunitario del soggetto da vaccinare. Questi aspetti, insieme alla necessità di mantenere un fronte compatto di popolazione immune dalla malattia spiegano perchè è importante aderire più strettamente possibile al calendario raccomandato. Alcuni vaccini richiedono più di una somministrazione per garantire una adeguata e persistente protezione mentre altri sono in grado di garantire una elevata protezione nel tempo. 

Il calendario vaccinale attualmente in vigore in Italia è stato definito dal Piano Nazionale della Prevenzione vaccinale 2012-2014 che ha definito le strategie per il raggiungimento degli obiettivi indicati nel Piano Sanitario Nazionale. È stato recentemente approvato dalle Regioni, ma ancora in fase di attuazione, il nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2016-2018 in cui saranno inseriti il vaccino per la varicella, quello contro il rotavirus, il meningococco B e il vaccino contro il papillomavirus (HPV) anche per i maschi. 


a cura di: Alberto Tozzi
Bambino Gesù Istituto per la Salute