Deficit di mevalonato chinasi o Sindrome con Iper IgD

Malattia rara. Caratterizzata da episodi ricorrenti di febbre e infiammazione. Se la cura viene seguita regolarmente, i pazienti hanno un'ottima qualità di vita
Stampa Pagina

12 February 2020


CHE COS'È
Il deficit di mevalonato chinasi (MKD) è una malattia trasmessa geneticamente. Appartiene al gruppo delle malattie autoinfiammatorie che sono malattie rare caratterizzate da episodi ricorrenti di febbre e infiammazione.
Il deficit di mevalonato chinasi è diffuso soprattutto nella zona del Nord-Europa, in particolar modo tra gli olandesi, ma tutte le popolazioni possono esserne colpite. In alcune persone colpite dalla malattia, un tipo di anticorpo presente nel sangue (l'immunoglobulina D) può essere elevato. Ecco perché questa malattia viene anche chiamata "sindrome con IperIgD". 

QUALI SONO LE CAUSE
Il deficit di mevalonato chinasi è causato da alterazioni (mutazioni) di un gene situato sul cromosoma numero 12, che contiene le informazioni necessarie per la produzione di una proteina chiamata mevalonato chinasi. La mevalonato chinasi è uno dei fattori coinvolti nel controllo dell'infiammazione. Questa proteina serve per trasformare una sostanza presente nell'organismo, chiamata acido mevalonico in un'altra sostanza, acido fosfomevalonico.
Quando il gene è mutato, la proteina prodotta è alterata, l'acido mevalonico non può essere trasformato e si accumula nel sangue comparendo nelle urine durante gli attacchi di febbre. Il malfunzionamento di questo processo ha come risultato un'infiammazione persistente e quindi la malattia. Il deficit di mevalonato chinasi viene trasmesso come carattere autosomico recessivo.
Ciò significa che per essere affetti i pazienti devono aver ereditato mutazioni di entrambi i geni per la produzione della mevalonato chinasi: sia quello ereditato con il cromosoma 12 materno sia quello ereditato con il cromosoma 12 paterno. Ciò significa anche che entrambi i genitori sono "portatori sani" della malattia.

QUALI SONO I SINTOMI
Il deficit di mevalonato chinasi (MKD) si manifesta di solito prima dei 3 anni di vita. È caratterizzato da episodi febbrili ricorrenti che si verificano con una frequenza variabile, insorgono rapidamente e durano da 4 a 7 giorni.
La febbre si associa quasi sempre a:

- Ingrossamento dei linfonodi del collo;
- Comparsa di afte in bocca;
- Eruzione cutanea diffusa a tutto il corpo;
- Sintomi a carico dell'apparato gastrointestinale come vomito e diarrea.

Quasi sempre, durante l'attacco, i pazienti presentano anche dolore o gonfiore delle articolazioni. Gli attacchi di malattia possono iniziare spontaneamente o essere scatenati da infezioni, stress (sia fisico sia psichico) e a volte vaccinazioni. 

COME SI FA DIAGNOSI
La malattia viene sospettata sulla base della storia del paziente e della visita medica. Se effettuati durante gli episodi febbrili, gli esami del sangue mostrano un marcato aumento degli indici di infiammazione (aumento dei globuli bianchi, della VES, della PCR, della Sieroamiloide A) e l'esame urine mostra elevati livelli di acido mevalonico. Se invece vengono effettuati al di fuori dell'episodio acuto, gli indici di infiammazione possono risultare lievemente alterati o del tutto normali e l'acido mevalonico nelle urine è assente.
La diagnosi viene confermata attraverso l'analisi molecolare del gene. Questa analisi genetica viene effettuata presso laboratori di genetica specializzati e non è pertanto disponibile presso tutti i laboratori. È importante che il risultato dell'esame genetico venga interpretato da medici con esperienza in questo campo, perché non tutte le mutazioni eventualmente riscontrate nel gene sono causa di malattia.
Esistono infatti alcune mutazioni "innocue" (i cosiddetti polimorfismi), che non causano nessun problema e si trovano anche nelle persone sane. I portatori di tali polimorfismi, anche se presenti in duplice copia, sono a tutti gli effetti sani e non malati.
Se l'analisi genetica viene interpretata erroneamente c'è pertanto il rischio di considerare malate persone che in realtà non lo sono.

COME SI CURA
La malattia si cura utilizzando i farmaci biologici diretti contro una molecola, chiamata interleuchina 1, normalmente coinvolta nell'infiammazione. A causa delle mutazioni del gene per la mevalonato chinasi, l'interleuchina 1 viene prodotta in eccesso dal sistema immunitario. Proprio l'eccessiva produzione di interleuchina 1 è responsabile dell'infiammazione nel deficit di mevalonato chinasi. I farmaci biologici attualmente utilizzati sono l'anakinra ed il canakinumab, che bloccano l'attività della interleuchina 1. La cura, qualunque essa sia, dovrà continuare per tutta la vita. Se la terapia viene sospesa, gli attacchi si ripresentno.

COME SI PREVIENE
La malattia non può essere prevenuta.

QUAL È LA PROGNOSI
Se la cura viene seguita correttamente e soprattutto in maniera regolare, i pazienti non sviluppano nessuna complicanza e hanno una ottima qualità di vita senza alcuna limitazione. Qualora invece la malattia non venisse diagnosticata per tempo o la terapia non venisse seguita correttamente, i pazienti con deficit di mevalonato chinasi sono a rischio di sviluppare una temibile complicanza detta amiloidosi. L'amiloidosi consiste nell'accumulo della proteina amiloide che si deposita in vari organi e tessuti (rene, cuore etc.) e può comprometterne la funzione. 

CODICE ESENZIONE
Deficit di mevalonato chinasi: Codice RCG161
Sinonimi: Sindrome con Iper IgD


a cura di: Antonella Insalaco
Unità Operativa di Reumatologia
In collaborazione con: