Dopo la nascita

Stampa Pagina

Si definisce neonato il bambino dalla nascita fino a 30 giorni di vita. In base all'età gestazionale si considera  "a termine" se nasce tra le 37 e le 42 settimane di gestazione calcolate a partire dal primo giorno dell'ultima mestruazione, "pretermine" se nasce prima di aver raggiunto le 37 settimane e "post-termine" se la gravidanza si prolunga oltre la 42a settimana. 

Appena nato il bambino viene visitato dal Pediatra e gli viene attribuito un punteggio chiamato  "indice di Apgar". A seguire si effettua la c.d. "profilassi alla Credé", obbligatoria per legge, che prevede la somministrazione oculare di un collirio o di una pomata antibiotica (per prevenire una possibile infezione batterica)  e si somministra la vitamina k (per la prevenzione della "malattia emorragica del neonato"). Importante è anche l'applicazione, intorno al polso o al piedino del bambino, di un braccialetto di identificazione sul quale viene riportato nome, cognome e numero di cartella clinica. Il neonato viene quindi posto a contatto pelle a pelle con la mamma per almeno un'ora al fine di avvicinarlo al seno e, se possibile, effettuare la prima poppata. Dopo aver fatto il bagnetto, medicato il moncone ombelicale, vestito con indumenti preferibilmente di cotone, il bambino viene portato nella stanza insieme alla mamma.

Più tardi, a 3-5 giorni di vita,  verrà effettuato lo "screening neonatale".


Sfoglia online lo speciale di A scuola di salute con tutti gli approfondimenti degli specialisti sulla crescita del bambino durante i primi 30 giorni di vita:

Scarica il pdf