Oncoematologia: a Lisbona la seconda assemblea del progetto EURE-CART

L'Ospedale è tra i nove partner del Consorzio che conduce la sperimentazione multicentrica finanziata dall'Unione Europea
Stampa Pagina

21 March 2018

Nell'ambito del 44th EBMT (European Society for Blood and Marrow Transplantation) Annual Meeting in corso a Lisbona si è tenuta la seconda Assemblea Generale del Progetto EURE-CART (EURopean Endeavour for Chimeric Antigen Receptor Therapies), a cui l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù aderisce come partner. 

Avviato a inizio 2017 grazie a un finanziamento di 5,9 milioni di Euro assegnato dalla Commissione Europea nell'ambito del programma quadro di ricerca e innovazione "Horizon 2020", il progetto EURE-CART riunisce ricercatori esperti in onco-ematologia e soprattutto leader riconosciuti a livello internazionale nel settore della terapia Cell & Gene, con il principale obiettivo di confermare la terapia cellulare basata su linfociti CAR-T quale trattamento personalizzato capace di sconfiggere le malattie neoplastiche.

In particolare, obiettivo del progetto è la conduzione della prima sperimentazione clinica multicentrica di Fase I/II nell'uomo, finalizzata a dimostrare la sicurezza e l'efficacia dell'immunoterapia basata sui linfociti T geneticamente modificati con un recettore chimerico (CAR) specifico per l'antigene CD44v6 (CAR-T CD44v6), in pazienti con leucemia mieloide acuta (LMA) e mieloma multiplo (MM), popolazioni in cui risulta over espresso questo antigene, rispettivamente, fino all'80 per cento nelle cellule della LMA e al 90 per cento in quelle del MM.

I CAR-T CD44v6 oggetto della sperimentazione sono linfociti che hanno dimostrato grande potenziale antitumorale, grazie alla loro capacità di riconoscere in modo specifico la variante 6 (v6) dell'antigene CD44 (CD44v6), espressa non solo da molte neoplasie ematologiche ma anche da molti tumori epiteliali, tra cui carcinomi della mammella, del colon, del pancreas, della testa/collo e del polmone. La loro produzione avverrà presso la facility di MolMed S.p.A.

I rappresentanti del Consorzio EURE-CART (*), che si compone di nove Partner di quattro diversi Paesi dell'Unione Europea con competenze cliniche, scientifiche e industriali di eccellenza nei rispettivi ambiti, sono guidati dall'italiana MolMed S.p.A., coordinatore del progetto grazie al proprio track-record nel settore delle terapie geniche e cellulari, e si riuniscono annualmente nell'Assemblea Generale per discutere, pianificare e valutare sia i progressi raggiunti sia i programmi futuri nell'ambito del progetto di ricerca in corso.

«Durante i lavori dell'Assemblea di Lisbona abbiamo condiviso gli aggiornamenti delle attività svolte finora nei diversi centri e pianificato quelli dei prossimi mesi», commenta Catia Traversari, responsabile scientifico di EURECART e Research Director di MolMed. «In particolare, con l'obiettivo di iniziare la sperimentazione nell'uomo del nostro CAR-T, ci siamo concentrati sulla finalizzazione del protocollo clinico e sul piano di azione per il primo studio la cui partenza è prevista per il 2018».

Il progetto EURE-CART si svilupperà nell'arco di 48 mesi a partire dalla sua data di avvio, il 1° gennaio 2017, e prevede inoltre l'attivo coinvolgimento delle Autorità Nazionali Regolatorie per accelerare l'approvazione di questa specifica immunoterapia con cellule CAR-T.

EURE CART HA RICEVUTO UN FINANZIAMENTO NELL'AMBITO DEL PROGRAMMA QUADRO DI RICERCA E INNOVAZIONE DELL'UNIONE EUROPEA "HORIZON 2020". GRANT AGREEMENT NO. 733297