Haemophilus influenzae tipo b (Hib): il vaccino

Stampa Pagina

IL VACCINO

Il vaccino contro l'Haemophilus influenzae tipo b contiene sostanze della superficie del batterio legate ad alcune proteine per rendere il vaccino efficace anche nei primi mesi di vita. Il vaccino è disponibile in forma singola o combinato con altri vaccini nel vaccino esavalente (insieme alle componenti contro tetano, difterite, pertosse e poliomielite, epatite B).
 

COME SI SOMMINISTRA

Il vaccino si somministra con un'iniezione intramuscolare.
 

A CHI SI SOMMINISTRA

La vaccinazione è raccomandata a qualsiasi età a tutti i pazienti con alcune malattie specifiche come: anemia falciforme, immunodepressione e immunodeficienze, infezioni da Hiv, asplenia (assenza della milza) o malattie della milza, tumori, trapianti di midollo osseo e di cellule emopoietiche. 

Il Ministero della Salute raccomanda, inoltre, la somministrazione del vaccino a tutti i nuovi nati e prevede 3 dosi di vaccino associato ai vaccini contro tetano, difterite, poliomielite, epatite B e pertosse (vaccino esavalente) nel primo anno di vita. Se la vaccinazione viene iniziata in ritardo, il numero delle dosi da somministrare varia secondo l'età. Salvo far parte di categorie a rischio come quelle sopra indicate, oltre i 5 anni di vita la vaccinazione del bambino non è raccomandata per la minore probabilità di malattia oltre questa età.
 

A CHI NON POSSONO ESSERE SOMMINISTATI

L'unica controindicazione alla vaccinazione è una reazione allergica grave ad una precedente dose o allergia nota a qualunque componente del vaccino. 
 

QUANTO È SICURO

Dopo la vaccinazione circa 1 bambino su 4 presenta reazioni locali lievi come arrossamento, dolore e gonfiore nella sede di iniezione, che generalmente scompaiono entro 2-3 giorni. Reazioni come febbre e irritabilità sono poco frequenti (5%). Una reazione allergica grave da vaccino è molto rara.
 

QUANTO È EFFICACE

Dopo il completamento del ciclo vaccinale, il vaccino è altamente efficace (95-100%) nel prevenire l'infezione.


a cura di: Alberto Tozzi
Bambino Gesù Istituto per la Salute