Oggi vi curo io: bambini dottori per un giorno

Per la Giornata del malato, i piccoli in ludoteca con "l'ambulanza del sorriso"
Stampa Pagina

11 February 2015

Bambini "dottori per un giorno". In occasione della Giornata Mondiale del Malato, i piccoli pazienti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù hanno indossato camici bianchi, stetoscopi, guanti e mascherine per visitare i loro medici, somministrandogli cure "veramente buone" e creative.

L'appuntamento con il divertimento, ormai tradizionale, è stato organizzato nella Ludoteca del Bambino Gesù di Roma-Gianicolo, spazio che si è trasformato per l'occasione nel "Pronto Soccorso dello Zucchero Filato". Per raggiungerlo è stato messo a disposizione dei dottori in erba un mezzo speciale: "l'ambulanza del sorriso".

Per tutti i "pazienti" che si sono sottoposti alle cure dei novelli dottori, check up accurati, medicazioni fantasiose e cerotti a volontà. Ed ancora punture, medicine "invisibili", defibrillatori, monitor hi-tech e flebo molto particolari, al gusto di arancia, fragola e pistacchio. Durante l'applicazione delle medicazioni, qualche accenno al futuro: «sarò un chirurgo un po' specializzato, ma non tanto» confida Salvatore. Sergej con piglio deciso: «le mie cure sono grandi invenzioni, molto buone!». Idee chiare per Ludovica: «da grande diventerò medico dei bambini e farò la fisioterapista». Alla fine della giornata a ciascuno il proprio diploma: di "paziente molto paziente" agli adulti e di "dottore provetto" per i piccoli medici.

«Dottori per un giorno – spiega la dott.ssa Carla Carlevaris, psicologa responsabile della Ludoteca del Bambino Gesù – è un gioco di ruolo dal quale si sviluppa una modalità diversa di interazione dei bambini con i medici, gli infermieri e gli adulti. È utile a noi per capire come i nostri piccoli pazienti vivono l'esperienza della cura e della terapia e ai bambini per sperimentare come parte attiva e creativa ciò che sono costretti a vivere passivamente ogni giorno, a causa della loro malattia».