Il divezzamento e i suoi perché

Ecco che arriva l'aeroplanino!
Stampa Pagina

Il divezzamento, più propriamente detto alimentazione complementare, consiste nella introduzione nella dieta del lattante di alimenti nuovi (complementary food), ma anche in una diversa modalità di assunzione dei pasti: si integra la alimentazione al seno o con il biberon con i pasti con il cucchiaino. Questo tappa della vita del bambino rappresenta una vera rivoluzione e richiede pazienza e consapevolezza.
 

PERCHÉ DIVEZZARE?

La necessità del divezzamento nasce intorno al 6° mese di vita in quanto in questa epoca il latte materno è insufficiente per soddisfare le richieste fisiologiche di macro e micronutrienti del bambino in crescita, soprattutto relativamente all'apporto energetico, di ferro, di zinco e di vitamine liposolubili come A e D. Diventa dunque determinante il supporto dato dall'introduzione graduale dei nuovi alimenti. Ma, a ben vedere, il divezzamento risponde anche ad una motivazione più profonda di graduale autonomizzazione del piccolo nei confronti della figura materna.
 

IL MOMENTO ADEGUATO PER DIVEZZARE

Di fatto non esiste un periodo preciso per divezzare, ma dipende piuttosto da alcuni requisiti di base, quali un adeguato sviluppo neuro-fisiologico e anatomo-funzionale e la presenza di un interesse verso alimenti diversi dal latte. La Società Europea di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione pediatrica (ESPGHAN) e la Accademia Americana di Pediatria (AAP) sono concordi nel ritenere il periodo tra il 4° e il 6° mese di età come il migliore per iniziare l'alimentazione complementare. Nel caso in cui il bambino è allattato al seno, potrà continuare a usufruire dei benefici del latte materno mentre l'alimentazione complementare garantirà contestualmente un adeguato programma di arricchimento dietetico.

Divezzare prima del 4° mese potrebbe esporre il bambino a un eccessivo apporto calorico; al contrario, divezzare dopo il 6° mese potrebbe esporre il bambino a un deficit di apporto calorico, a un rallentamento dell'accrescimento staturo-ponderale e potrebbe rendere più difficile l'accettazione di nuovi sapori.


Sfoglia online l'ultima uscita di A scuola di salute dedicata al tema del divezzamento:

Scarica il pdf