La famiglia al centro del processo di cura

Stampa Pagina

Questa nuova puntata del documentario ci ha fatto conoscere ancora di più quelle che sono le dinamiche e la quotidianità che vivono i "ragazzi del Bambino Gesù" durante la loro malattia, dentro e fuori dell'ospedale. "L'inizio di una nuova vita", è così che hanno definito questo momento così particolare che hanno vissuto.
Ed è questo uno dei punti fondamentali: i ragazzi non sono mai soli, c'è la famiglia con loro, sempre presente in questa nuova vita.

L'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù da anni ha introdotto il modello della Family Centered Care "per pianificare, erogare e valutare l'assistenza sanitaria che si fonda su rapporti di collaborazione reciprocamente benefici tra pazienti, famiglie ed operatori sanitari. I principi cardine sono la dignità e il rispetto delle famiglie, la condivisione delle informazioni, la partecipazione e la collaborazione (Johnson 2008)".

Non sono solo semplici enunciati o parole scritte nei documenti ufficiali dell'ospedale, sono comportamenti, atteggiamenti ed azioni quotidiane che vengono adottate da tutti i protagonisti dell'assistenza che abbiamo visto nelle scene girate e raccontate nel documentario. La centralità del processo assistenziale è il paziente e la sua famiglia che sostiene un ruolo fondamentale.
E i presupposti che sono alla base del modello della Family Centered Care, e che abbiamo potuto cogliere nel documentario, sono la presenza, il coinvolgimento e la partecipazione nei diversi momenti.

Abbiamo visto momenti molto forti vissuti dai ragazzi, il trapianto, la caduta dei capelli, i bisogni fondamentali e in tutti questi momenti la famiglia ha sostenuto un ruolo fondamentale e vitale per la salute e il benessere dei ragazzi.

 

Scarica lo speciale in pdf