Da 8 a 12 mesi: lo sviluppo emotivo

Stampa Pagina

Intorno agli 8 mesi, inizia un periodo importante e difficile. Il bambino comincia a riconoscere per la prima volta la differenza tra volti familiari e volti estranei.

Si tratta quindi di una tappa essenziale per lo sviluppo dell'identità e dei rapporti sociali ma che genera anche ansia, la cosiddetta ansia da separazione. Quando riconosce un volto estraneo, il bambino scappa, si nasconde e in qualche caso piange. Per la stessa ragione, diventa sempre più difficile la separazione dalla madre.

L'ansia da separazione continua in genere fino all'anno e mezzo per poi risolversi verso la fine del secondo anno. È importante aiutarlo a superare questo periodo con molto amore, molta pazienza e con un briciolo di astuzia. Meglio lasciar casa quando il bambino ha dormito e mangiato da poco e la persona che lo accudisce lo sta facendo giocare. Se piange, non è il caso di farne un dramma: sta tentando di convincere la mamma a restare. Una volta uscita, smetterà rapidamente di piangere e comincerà a giocare con la persona cui è stato affidato. È in questo periodo che anche la semplice visita dal pediatra con cui ha sempre sorriso e giocato, potrà diventare "un dramma".


a cura di: Alberto G. Ugazio – Andrea Campana
Bambino Gesù Istituto per la Salute