Malattia di Ménière

Patologia dell'orecchio caratterizzata da ricorrenti episodi di vertigini con alterazioni dell'udito. Le cure permettono di evitare le ricadute delle crisi di vertigini
Stampa Pagina

18 November 2019


CHE COS'È

La malattia di Ménière è tipica dell'adulto e molto rara in età pediatrica. È caratterizzata da ricorrenti episodi di intense vertigini, accompagnati da perdita di udito e acufene, vale a dire la percezione di un suono "fantasma". 

QUALI SONO LE CAUSE
Le cause della malattia di Ménière sono sconosciute. Attualmente le ipotesi sulla sua origine tendono alla cosiddetta "teoria dell'idrope endolinfatica", secondo cui questa malattia è determinata da un aumento di pressione dei liquidi contenuti nell'orecchio interno. Vari fattori (infettivi, autoimmunitari, vascolari) possono scatenare la malattia in pazienti geneticamente predisposti.  

QUALI SONO I SINTOMI
La malattia di Ménière si manifesta tipicamente con attacchi improvvisi di vertigine oggettivo-rotatoria (il paziente dichiara di vedere la stanza girare intorno a sé). È associata a: 

- Perdita di udito, di solito ad un solo orecchio. La perdita di udito è tipicamente limitata alle basse e alle medie frequenze;
- Acufene, vale a dire la sensazione di percepire un suono che in realtà non esiste. 

Nelle prime fasi della malattia gli attacchi sono limitati nel tempo e si risolvono spontaneamente nell'arco di ore o giorni, con pieno recupero dell'udito. In fase avanzata, cioè dopo anni di ripetuti attacchi, la perdita dell'udito tende ad aggravarsi, diventando persistente e cronica

COME SI FA LA DIAGNOSI
La diagnosi è basata sulla visita e sull'osservazione di attacchi vertiginosi della durata di almeno 20 minuti, associati a perdita uditiva neurosensoriale per le frequenze basse e medie ad un orecchio, ed acufene o sensazione di ovattamento auricolare riferiti dal paziente.   

COME SI CURA
Negli anni sono state proposte diverse cure per la malattia di Ménière. Le cure sono perlopiù sintomatiche, vale a dire mirano a ridurre i sintomi della malattia ed includono la dieta iposodica (a basso contenuto di sodio), la somministrazione di diuretici e la terapia con cortisonici. I casi resistenti a questi farmaci possono essere trattati mediante l'infiltrazione del timpano con gentamicina, farmaco in grado di impedire la ricaduta degli attacchi di vertigine. I casi che non rispondono nemmeno alla terapia intratimpanica con la gentamicina trovano beneficio dagli interventi chirurgici sul nervo vestibolare, responsabile dell'equilibrio e decompressione del sacco endolinfatico dell'orecchio interno.          

COME SI PREVIENE
Non sono note misure preventive per questa malattia. 

QUAL È LA PROGNOSI
La prognosi degli attacchi di vertigini è complessivamente buona, dal momento che le cure disponibili, dalle più conservative alla soluzione chirurgica, hanno quasi sempre successo e permettono di evitare le ricadute delle crisi di vertigini. Al contrario, le possibilità di recuperare l'udito per l'orecchio interessato diminuiscono man mano che la malattia progredisce e le crisi si ripetono nel tempo.   


a cura di: Alessandro Scorpecci, Pasquale Marsella
Unità Operativa di Audiologia e Otochirurgia
In collaborazione con: