Mindeat, i falsi miti sul rapporto cibo-mente. Terzo convegno dell'ospedale a Expo Milano 2015

Stampa Pagina

02 October 2015

Il rapporto tra cibo e mente è da anni oggetto di studio e la ricerca in questo campo ha dimostrato l'influenza di una sana alimentazione sul benessere psico-fisico degli individui e sulla loro qualità di vita. Nel corso del tempo sono state formulate anche tante teorie senza fondamento scientifico sull'origine alimentare dei disturbi psichiatrici (autismo, schizofrenia, depressione, anoressia etc.) e sono nati miti così radicati nella nostra cultura da condizionare le scelte alimentari di bambini, adolescenti e adulti, talvolta con rischi seri per la salute. Sono i temi del convegno "Mindeat: alimentazione e salute mentale tra miti e pregiudizi" promosso dall'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù a Expo Milano 2015 nell'ambito delle iniziative della Santa Sede.

L'appuntamento è per il 6 ottobre 2015, alle ore 17, presso il Centro Conferenze Expo – zona Sud centrale, Milano (centro convegni alle spalle del padiglione del Kazakistan).

Il convegno si aprirà con il saluto di Mons. Pasquale Iacobone, responsabile del Dipartimento Arte e Fede del Pontificio Consiglio della Cultura e del Prof. Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Interverranno Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria Infantile del Bambino Gesù, che affronterà gli aspetti controversi dei miti e delle teorie nate intorno al rapporto cibo e salute mentale e Valeria Zanna, neuropsichiatra del Bambino Gesù, con un focus sui disturbi del comportamento alimentare: anoressia, bulimia e binge eating.

Seguirà la proiezione di un video-sondaggio che dà l'idea di come viene comunemente interpretato il legame tra alimentazione e salute della mente e del documentario "Felicemente imperfetta" con le testimonianze di alcune giovani pazienti del Bambino Gesù affette da anoressia nervosa che sarà introdotto dalla regista Maite Carpio Bulgari.

Vittorio Lingiardi, professore di Psicologia dinamica presso l'Università La Sapienza di Roma interverrà sugli aspetti ossessivo-deliranti del rapporto con l'alimentazione (ed esempio la paura di ingerire cibi avvelenati); lo chef Giovanni Santini parlerà del ruolo dei professionisti della ristorazione nel veicolare sani modelli alimentari, mentre Ilaria Caprioglio, avvocato, scrittrice ed ex modella, racconterà la personale battaglia contro l'anoressia e il suo impegno nella lotta ai disturbi del comportamento alimentare tra i giovanissimi.

Scarica il programma del convegno >>