Paese che vai, pappa che trovi

La natura ci mette gli ingredienti… ma l'arte sta nella ricetta!
Stampa Pagina

22 June 2018

Nella maggior parte dei paesi si inizia con la frutta: in genere il primo assaggio è a base di mela, pera, banana ma anche mango e papaya. In seguito, si passa a una pappa di verdure e cereali. In Oriente, il cereale base è il riso o il miso, mentre in Africa si usano il miglio o il mais bianco, in Irlanda e in Brasile l'avena, in Maghreb il cous cous. In America Latina è comune trovare nella dieta del divezzo i tuberi (patata, patate dolci, tapioca).

Anche il brodo vegetale può variare di regione in regione: in Giappone spesso si confeziona con le alghe o l'orzo. In India, invece, si introducono le spezie fin dalle prime pappe. Al di là, però, delle differenze culturali, l'elemento fondamentale della prima pappa rimane sempre e comunque l'equilibrio nella composizione: la pappa deve garantire non solo la giusta quota di calorie ma anche la giusta quota di macro e micronutrienti.

Aggiungere una varietà di frutta e vegetali alla dieta del bambino garantisce la necessaria quantità quotidiana di micronutrienti e di vitamina A. Ecco perché frutta e verdura fanno letteralmente il giro del mondo nelle pappe dei bambini.

OMS nella lotta alla malnutrizione

A questo scopo, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nell'ambito dei progetti di lotta alla malnutrizione, ha voluto redigere dei libretti informativi per aiutare i genitori dei Paesi in via di sviluppo a usare bene gli ingredienti a disposizione (a volte scarsi) per garantire al lattante un pasto ricco ed equilibrato.
Da questi paesi riceviamo un insegnamento: il segreto non sta solo negli ingredienti, ma anche e soprattutto nell'equilibrio della preparazione!


Sfoglia online l'uscita di A scuola di salute dedicata al tema del divezzamento:

Scarica il pdf

Iscriviti alla newsletter