Pityriasis Alba

Si manifesta in genere alla fine dell'estate ed è caratterizzata da chiazze chiare sulla pelle del volto e delle braccia
Stampa Pagina

05 May 2020

CHE COS'È
Si tratta di una manifestazione cutanea comune in età prepuberale caratterizzata da chiazze secche di colorito più chiaro della pelle, talvolta lievemente eritematose (arrossate).

QUALI SONO LE CAUSE
A tutt'oggi non se ne conoscono le cause esatte. Sono stati presi in considerazione diversi microrganismi tra quelli che causano malattie (PityrosporumStreptococcus, Aspergillus, Staphylococcus), ma nessuno è stato confermato come causa certa della pityriasis alba. Alcuni fattori che predispongono alla pityriasis alba sono in particolare l'allergia e l'esposizione inadeguata al sole.
La pityriasis alba si osserva frequentemente nei bambini allergici e rappresenta uno dei sintomi collaterali della dermatite atopica. Non rappresenta però la spia di un fenomeno allergico. 

È CONTAGIOSA
Assolutamente no. La pityriasis alba può colpire uno o più bambini della stessa famiglia perché hanno la stessa costituzione: cute secca o familiarità atopica.

COME SI MANIFESTA
La manifestazione compare generalmente alla fine dell'estate. È caratterizzata da chiazze biancastre rotondeggianti o ovali localizzate soprattutto al volto e alle braccia. I margini delle chiazze sono sfumati, di colorito più chiaro della pelle circostante mentre al centro le chiazze sono ricoperte da una desquamazione sottile e biancastra. In alcuni casi, queste lesioni sono eritematose (arrossate). La pityriasis alba è più evidente alla fine dell'estate in quanto l'esposizione al sole rende le chiazze biancastre più evidenti rispetto alla pelle abbronzata. L'evoluzione è molto lenta, di tipo cronico-recidivante. Generalmente non provoca altri sintomi o, al più, è lievemente pruriginosa. 

COME SI CURA
È sufficiente utilizzare detergenti delicati per l'igiene del corpo e applicare costantemente creme idratanti/emollienti. Il trattamento efficace risolve completamente la secchezza con la persistenza transitoria di chiazze ipocromiche (di colorito più chiaro) e lisce per alcune settimane e talvolta per mesi. L'uso di creme idratanti anche durante la stagione invernale previene la recidiva della pityriasis alba durante l'estate e la persistenza di ipocromie durante l'inverno. Nelle forme arrossate è indicato l'uso di creme lenitive antinfiammatorie.
L'esposizione al sole deve seguire le indicazioni adeguate per l'età pediatrica e per il fototipo. Il fototipo indica la quantità di melanina prodotta dalla pelle. I dermatologi distinguono 6 categorie di fototipo: dal fototipo 1 che indica le persone con la pelle più chiara, al fototipo 6 che indica le persone con la pelle più scura. Ovviamente chi ha la pelle molto chiara (fototipo 1) rischia la scottatura solare molto più delle persone che hanno un fototipo 6, quindi una pelle molto più scura. 


a cura di: Annalisa Ciasulli, Andrea Diociaiuti
Unità Operativa di Dermatologia
In collaborazione con: