Polmonite, cosa c'è da sapere

Quali sono i veicoli di infezione, come avviene il contagio, cosa fare per prevenirlo. Un po' di chiarezza con Renato Cutrera, responsabile dell'Unità Operativa di Broncopneumologia
Stampa Pagina

11 September 2018

La polmonite, quali i veicoli di infezione?

La polmonite è generalmente causata da un'infezione dovuta a virus, batteri e altri microrganismi.
I virus rappresentano la maggioranza delle cause di polmonite, e costituiscono i principali patogeni polmonari nella prima e nella seconda infanzia.
Responsabili dell'infezione possono essere anche i batteri, come lo Streptococco, lo Stafilococco, la Clamidia, la Legionella e il Mycoplasma, tipico, quest'ultimo, delle infezioni contratte durante la stagione estiva.

Come avviene il contagio?

La forma più comune di contagio è il contatto inter-umano, ovvero quello che si verifica, direttamente e indirettamente, tra due soggetti. La trasmissione avviene per via aerea - attraverso l'inalazione - di micro-gocce di saliva e secrezioni nasali del soggetto infetto. La contaminazione può verificarsi anche attraverso un veicolo terzo, costituito dagli oggetti, come per esempio piatti, bicchieri, stoviglie sui quali si siano depositate le goccioline contaminate.
Quando la fonte di contaminazione batterica viene identificata nel sistema di aria condizionata, il germe interessato è la legionella e la malattia che ne deriva viene denominata legionellosi, o malattia dei legionari, che deve il nome all'epidemia di polmonite che si verificò in un hotel di Philadelphia nel 1976 tra i partecipanti ad un raduno di veterani di guerra americani (chiamati appunto "Legionari").
Il batterio responsabile di questa epidemia venne chiamato Legionella vive molto bene nei condizionatori d'aria non domestici, dove lo scarico dell'acqua è esterno, ma in quelli che vengono posti negli ambienti pubblici o nelle grosse aziende, dove l'aria rimane all'interno dell'impianto. La riserva d'acqua si infetta, e l'aria che passa nei serbatori, poi immessa nell'ambiente, si contamina a sua volta. 

Nel caso di Brescia, visto il tipo di disseminazione, non sembrerebbe un contagio inter-umano, quanto una contaminazione forse avvenuta tramite l'acqua.

Quali sono le regole da seguire per prevenire un possibile contagio?

1. Effettuare sempre un buon lavaggio delle mani; è la prima forma di prevenzione
2. Ricordare che il vaccino antinfluenzale è importante, soprattutto per gli anziani, per i bambini a rischio o che siano in contatto con soggetti a rischio, per i soggetti con patologie croniche
3. Non fumare, perché il fumo danneggia le normali difese presenti nei bronchi e nei polmoni indebolendo il sistema immunitario locale
4. Mantenere in buono stato di efficienza il sistema immunitario, regolando l'alimentazione, il sonno e praticando attività fisica
5. Igienizzare regolarmente gli ambienti e gli oggetti in cui l'acqua si accumula e ristagna, come i contenitori, i sanitari, gli scarichi
6. Far scorrere l'acqua prima di fare la doccia, soprattutto nei posti di villeggiatura, in cui ci sono i cassoni
7. Verificare sempre che l'acqua che si beve sia corrente.