RES: gli uomini e le donne della ricerca

Di che cosa si sta occupando la ricerca del Bambino Gesù? Il nuovo numero del magazine che racconta l'attività dei laboratori, è dedicato al lavoro dei ricercatori, che sostengono la vita attraverso l'impegno e la dedizione
Stampa Pagina

05 May 2020

C'è Giulia, testarda, attualmente impegnata in un progetto volto a testare un nuovo e possibile approccio terapeutico per stimolare la corretta formazione ossea nei pazienti affetti da cistinosi.
Poi c'è Andrea, amante dei fumetti, che ha condotto una ricerca che gli ha permesso di identificare una classe di mutazioni in grado di causare una rara sindrome del neurosviluppo.
E Floriana, la psicologa con un neo nell'occhio, che ha studiato dettagliatamente gli aspetti delle basi neurobiologiche dell'anoressia, al fine di trovare un trattamento personalizzato per adolescenti con anoressia nervosa.
C'è ancora Nicola, l'immunologo pediatra nato sotto il segno del capricorno, e Annalisa, che ama il suo lavoro e la cucina.
E c'è Ester, la biologa che si occupa di malattie renali, e Marialetizia, determinata e meticolosa.
Claudia, ricercatrice del servizio di Fisica Sanitaria e Nicola, ricercatore del laboratorio di immunologia, amante dei numeri e vespista sfegatato.

Sono gli uomini e le donne della ricerca. Sono persone - ragazzi, ragazze, padri, madri, donne e uomini – che sostengono la vita attraverso l'impegno e la dedizione.
Che non fuggono dall'Italia, ma pensano alla collettività e si affermano, anche fuori dai confini nazionali, attraverso il lavoro e il servizio che offrono al loro paese.

Sono la dimostrazione che esiste tanta ricerca oltre il coronavirus, e che nessuno è lasciato solo. Malati rari, pazienti oncologici, bambini e ragazzi affetti da patologie croniche.
La ricerca del Bambino Gesù non ha mai smesso di pensare a tutti loro.

La quinta uscita della rivista mulimediale è disponibile per la consultazione sull'edicola virtuale Issuu

Scarica il pdf