Lo sport e le vitamine

Stampa Pagina

30 July 2018

Dottore siamo al cambio di stagione, potrebbe dare a mio figlio una bella "curetta"? Che ne dice di un po' di vitamine? Siamo stati tutti sottoposti a questa domanda e ognuno di noi avrà dato risposte diverse. Ma quando un bambino fa sport ha necessità di un supporto di vitamine?

Se parliamo di un mondo ideale, quello in cui un genitore libero di impegni di lavoro, si dedica al benessere dei figli anche attraverso una sana alimentazione, usando cibi freschi e non surgelati, frutta e verdura di stagione, meglio se cucinati al momento, ecco in questo mondo, che mi ricorda molto l'infanzia nei non più giovanissimi, la risposta è: no, non ci sarà bisogno di un supporto vitaminico. Ma, come si sa, il mondo non è quello che ho descritto.
Oggi i genitori sono molto impegnati con il lavoro, i cibi spesso surgelati o preparati da qualche tempo, stagionalità di frutta e verdure forzata dall'industria, conservanti ecc.ecc. Questo determina una consistente riduzione delle vitamine, sali minerali ed oligoelementi, quelle sostanze che non sempre riusciamo ad introdurre con una dieta corretta.

LE VITAMINE NELLO SPORT

Fatta questa doverosa premessa possiamo affermare che le vitamine più importanti nello sport sono la vitamina D, quelle del gruppo B, le vitamine C, A, E. Bisogna inoltre considerare che ferro, zinco, magnesio, calcio e selenio sono sostanze presenti in minime tracce che però svolgono funzioni fondamentali all'interno dei principali processi vitali e sono utili per chi pratica un'attività fisica regolare.

Coinvolti in numerose reazioni metaboliche e nei processi di adattamento biochimico muscolare indotti dall'esercizio fisico, vitamine e minerali sono micronutrienti indispensabili per sostenere l'organismo nella pratica sportiva. La vitamina D è d'aiuto nel processo di consolidamento della struttura ossea, mentre le vitamine del gruppo B, favorendo l'utilizzo di zuccheri, grassi e proteine per ricavarne calorie, sono importanti per fornire all'organismo l'energia necessaria per affrontare al meglio allenamenti e gare.

Le vitamine sono coinvolte in numerose reazioni metaboliche e in alcuni processi di adattamento biochimico muscolare indotti dalla pratica di sport. Soprattutto chi pratica sport agonistico, identificato come quell'attività sportiva regolare che è sempre alla ricerca della massima prestazione, individuale o di squadra, ha la necessità di reintegrare acqua, vitamine e minerali consumati dall'intenso allenamento, in particolare in momenti della vita come ad esempio durante l'adolescenza, quando al carico sportivo si aggiunge il tumultuoso cambiamento somatico-endocrino-psicologico di cui siamo spesso testimoni.

E I POLIVITAMINICI?

Un recente studio canadese evidenzia come composti multivitaminici-multiminerali, Vitamina C e D, acqua arricchita con preparati vitaminici, polvere proteica, acidi grassi e probiotici siano supplementi molto popolari e utilizzati frequentemente.

Gli atleti pre-adolescenti e adolescenti potrebbero incrementare l'apporto di calcio, vitamina D, potassio, ferro e folati anche solo con una dieta adeguata. Il supplemento di carboidrati dovrebbe essere rivolto esclusivamente per il recupero dopo un eccesso di attività fisica. L'assunzione di polivitaminici in genere non è necessaria, le uniche eccezioni da tenere sotto controllo medico sono la vitamina D e il ferro.
Questo studio chiarisce che le "curette vitaminiche" hanno poco spazio nel momento in cui l'alimentazione è varia ed equilibrata. Da non dimenticare poi che l'uso di sostanze come le vitamine in quantità esagerata, senza una motivazione di tipo medico, potrebbe essere configurato come doping e che l'eccesso di vitamine introdotte, senza necessità, obbliga l'organismo ad un lavoro in più per metabolizzare ed eliminare gli eccessi.

QUALCHE REGOLA DA NON DIMENTICARE 

Un'alimentazione sana e varia permette l'introduzione di tutte le vitamine necessarie ad un bambino che pratica sport.
• Non esiste uno sport in particolare che necessiti di una supplementazione vitaminica.
• In adolescenza, e in caso di praticanti sport ad elevato impegno agonistico, potrebbe essere utile, sotto controllo medico, l'incremento di vitamina D e folati.
• Da non sottovalutare è l'assunzione regolare di oligoelementi, zinco, selenio.
• Non sottovalutiamo mai anche la necessità di una corretta idratazione che è essenziale negli atleti.


Approfondimento estrapolato dall'uscita di luglio 2018 di A scuola di salute':

Scarica il pdf

Iscriviti la newsletter