Viaggi e Vaccinazioni

Stampa Pagina

Chi viaggia in alcuni Paesi del mondo, in particolare chi si reca in zone rurali o in paesi in via di sviluppo, può correre il rischio di essere esposto a malattie che non sono presenti sul territorio italiano e che si possono prevenire con le vaccinazioni. 
 

PRIMA DI UN VIAGGIO

Quando si programma un viaggio, è consigliabile fare il punto sulle vaccinazioni con il proprio medico e con il proprio pediatra almeno 8 settimane prima della partenza, poiché, in alcuni casi, completare le vaccinazioni utili può richiedere tempo. 
 

DOVE FARE LE VACCINAZIONI PER I VIAGGIATORI?

La maggior parte delle vaccinazioni per i viaggiatori può essere eseguita presso gli ambulatori vaccinali pubblici. Per alcune vaccinazioni come quella contro la febbre gialla il vaccino può essere somministrato solo in centri autorizzati dal Ministero della Salute, che possono rilasciare una certificazione conforme allo standard dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Leggi anche: perché vaccinare?
 

BISOGNA CONTROLLARE ANCHE LE VACCINAZIONI NORMALMENTE ESEGUITE?

È bene verificare di essere in regola con le vaccinazioni previste nel calendario nazionale: tetano, difterite, pertosse, poliomelite, Hemophilus influenzae tipo b, pneumococco, meningococco, morbillo, parotite, rosolia, varicella. Di queste patologie, alcune, come il tetano, la difterite e la poliomelite, possono essere ancora diffuse in alcuni Paesi del mondo, e possono quindi comportare gravi rischi per chi vi si reca. 

Leggi anche: somministrazione simultanea vaccini >>
 

QUALI VACCINAZIONI POSSONO ESSRE UTILI A CHI VIAGGIA?

Alcune malattie prevenibili con le vaccinazioni sono costantemente presenti in alcuni Paesi. In altri casi alcune malattie possono comparire in alcune zone prima non colpite. Per questo motivo è sempre opportuno un consulto con il pediatra o il medico vaccinatore per verificare i rischi attuali secondo la destinazione.
 

FEBBRE GIALLA

La febbre gialla è una malattia potenzialmente molto grave trasmessa da una zanzara diurna, presente principalmente nell'Africa sub-sahariana, nel Sud America e nei Caraibi. I sintomi sono inizialmente simili a quelli di un'influenza, con febbre elevata, mal di testa, vomito, dolori e debolezza. Nel 15% dei casi la malattia può progredire ad uno stadio di maggiore gravità, con sanguinamenti diffusi e compromissione del fegato e dei reni. Se si arriva a questo stadio della malattia, si rischia il decesso nella metà dei casi. Il vaccino è costituito da un virus vivo attenuato, ed è molto efficace. Per ottenere una protezione sufficiente deve essere somministrato almeno 10 giorni prima del viaggio, e conferisce una protezione di 10 anni. Per entrare in alcuni Paesi subsahariani e nella Guyana Francese la vaccinazione è obbligatoria. 
 

FEBBRE TIFOIDE

La febbre tifoide è una malattia potenzialmente letale causata da un batterio, la Salmonella typhi. Tale malattia può essere contratta tramite ingestione di acqua o cibo contaminati, o tramite contatto con persone infette. E' diffusa in Africa, Asia e Sud America, in particolare in aree con scarso livello igienico e con scarsa igiene delle acque. La malattia si manifesta con febbre elevata, dolore addominale, cefalea, diarrea o stipsi. La vaccinazione contro la febbre tifoide è disponibile in una formulazione intramuscolare (una singola iniezione, raccomandata dopo i 2 anni di età) e in una formulazione orale (3 capsule da assumere a giorni alterni, raccomandata dopo i 6 anni di età). La formulazione intramuscolare è caratterizzata da una maggiore efficacia. In entrambi i casi la vaccinazione deve essere eseguita un mese prima del viaggio
 

COLERA

Il colera è un'infezione potenzialmente fatale causata da un batterio che può essere acquisito tramite contatto con cibo o acqua contaminata. I sintomi consistono in diarrea acquosa, dolori addominali, malessere intenso. Il rischio principale è la disidratazione causata dalla diarrea abbondante. I paesi dove il batterio circola maggiormente sono l'Africa Subsahariana, l'Asia Meridionale, il Sudest Asiatico, il Medioriente, l'America Centrale e i Caraibi. La vaccinazione contro il colera è raccomandata se si viaggia in aree in cui il batterio è diffuso. È disponibile un vaccino orale a batterio inattivato, caratterizzato da un'elevata efficacia, e somministrabile sopra i 2 anni di età almeno 2 settimane prima del viaggio. Questo vaccino protegge anche da alcuni tipi di diarrea tipici del viaggiatore.
 

EPATITE A

L'epatite A è un'infezione del fegato causata da un virus che viene trasmesso tramite acqua o cibo e tramite contatto con persone infette. Solitamente la malattia è caratterizzata da un decorso non grave, con febbre, malessere, nausea, ittero (colorito giallastro della cute). A volte può invece avere un decorso grave, fulminante. Il virus circola in tutto il mondo, ma è più frequente nei seguenti Paesi: Africa centrale e sub-sahariana, subcontinente Indiano, paesi dell'Estremo Oriente e del Medioriente, America centrale e America del Sud. Il vaccino è costituito da virus attenuati e può essere somministrato dopo il 12° mese di età. È consigliato un richiamo dopo 6 mesi dalla vaccinazione primaria. È un vaccino molto ben tollerato, raramente può dare reazioni lievi come dolore nella zona della puntura, cefalea, inappetenza e sensazione di debolezza.
 

ENCEFALITE GIAPPONESE

L'encefalite giapponese è una grave malattia causata da un virus che viene trasmesso dalla puntura di una zanzara diffusa in zone rurali del Sudest Asiatico e delle isole del Pacifico, tuttavia tale patologia è piuttosto rara nei viaggiatori (si conta meno di un caso su 1 milione di viaggiatori ogni anno). Solo una su 250 persone che contraggono il virus sviluppa l'encefalite, che è caratterizzata da febbre alta, convulsioni, rigidità nucale, stato confusionale, tremori o paralisi. È disponibile un vaccino che può essere somministrato dopo i 2 mesi di età, raccomandato a tutti i viaggiatori che abbiano in programma un viaggio in un paese ad alto rischio se visiteranno un'area rurale, se viaggeranno durante la stagione delle piogge o se prenderanno parte ad attività, come ciclismo o campeggio, che potrebbero aumentare il rischio di malattia. Per raggiungere un sufficiente livello di efficacia sono necessarie due dosi di vaccino (da somministrare a 28 giorni di distanza l'una dall'altra).
 

ENCEFALITE DA ZECCHE

Si tratta di una rara infezione di natura virale trasmessa da puntura di zecca. È diffusa solo in alcune aree rurali in Europa Centrale, Settentrionale e Orientale. Altri tipi di encefaliti da zecche sono presenti in Russia e nelle zone forestali di Cina e Giappone. I sintomi iniziali dell'infezione sono simili a quelli di una sindrome influenzale. In alcuni casi, l'infezione può estendersi alle meningi o al tessuto cerebrale, causando una sintomatologia più grave, caratterizzata da alterazione dello stato mentale, convulsioni, sensibilità alla luce (fotofobia), paralisi. L'encefalite da zecche può essere fatale nell'1% dei casi. La vaccinazione contro l'encefalite da zecche è indicata in viaggiatori che prevedono di soggiornare in aree rurali nei paesi a rischio. Sono necessarie tre dosi del vaccino per raggiungere una protezione sufficiente.
 

RABBIA

La rabbia è una grave malattia virale trasmessa da animali infetti tramite morsi, graffi o contatto con saliva. I sintomi caratteristici della malattia sono: febbre, fotofobia (sensibilità alla luce), contrazioni involontarie del diaframma e dei muscoli respiratori in seguito all'ingestione di liquidi (idrofobia) o all'esposizione a correnti d'aria (aerofobia). E' disponibile un vaccino efficace, raccomandato soprattutto a viaggiatori che viaggiano per più di un mese in una zona dove la rabbia è endemica, o che hanno in programma attività gravate da un potenziale rischio di acquisire la malattia (ad esempio, trekking nella giungla). Il ciclo vaccinale, costituito da 3 dosi consecutive, andrebbe iniziato almeno un mese prima del viaggio. Il vaccino va inoltre ripetuto in tempi brevi subito dopo il morso di un animale potenzialmente infetto.


a cura di: Alberto Tozzi
Bambino Gesù Istituto per la Salute