Volontà e dedizione da 110 e lode

La storia di una ragazza lucana affetta da Fibrosi Cistica in cura presso il Centro Pediatrico Bambino Gesù Basilicata. Si laurea in Biotecnologie con il massimo dei voti, nonostante la malattia.
Stampa Pagina

07 April 2015

Carmen è una ragazza di Potenza, affetta da fibrosi cistica. La sua storia è un modello esemplare di forza d'animo. La sua voglia di vivere l'ha spinta a portare avanti tutte le sue passioni, nonostante la malattia: sport, musica, giornalismo e studio. Con grandi risultati, compresa una laurea magistrale in Biotecnologie, con votazione finale 110 e lode, coronata dopo anni di studio e 17 mesi di lavoro, per scrivere una tesi sperimentale.
Carmen è la sua volontà, non la sua malattia. Un modello per quanti sono affetti, come lei, da patologie gravi.
 

Sorridente e alle prese con il computer, seduta sulla scrivania nella sua stanza a scrivere la tesi, Carmen si divide con serenità tra il suo impegno accademico e il percorso terapeutico al Centro Regionale Fibrosi Cistica del Centro Pediatrico Bambino Gesù Basilicata presso l'A.O.R. "San Carlo". La giovane racconta sorridendo la sua avventura. "Un percorso di studi è già impegnativo di per sé; ho dovuto fare i conti con i tempi che la terapia avrebbe sottratto al mio lavoro, ma questo non mi ha fermata".

Non si è mai sentita diversa dagli altri bambini a scuola, perché diversa non è. Nemmeno nello sport. "Adoro la pallavolo. Sarei viva a metà, senza la pallavolo". Il suo unico complesso? Quello di Wonder Woman. "Ognuno di noi ha i suoi limiti, ma io provo sempre a superarli, e a dare il meglio di me".  
"Sono nata con la consapevolezza di essere affetta da una patologia seria. Ho da sempre avuto al mio fianco il sostegno non solo di un medico, oggi direttore del Centro Regionale Fibrosi Cistica, ma soprattutto della famiglia che il Centro Fibrosi Cistica rappresenta per me". 

I suoi progetti per il futuro? Un dottorato, un lavoro, un viaggio.
Il Centro Regionale Fibrosi Cistica dell'Azienda Ospedaliera San Carlo, attivo dal 1991, è 
un'unità di riferimento regionale accreditato dal Ministero della Salute per la presa in carico della fibrosi cistica.