Il volontariato a San Paolo: l'Associazione Bambino Gesù

Stampa Pagina

Capire come funziona il volontariato nella sede del Bambino Gesù di San Paolo e quali sono le differenze con quello del Gianicolo. Ecco l'obiettivo della chiacchierata che abbiamo fatto con Cinzia Di Giovanni, che si occupa dell'accoglienza e del coordinamento del volontariato proprio all'interno della sede di San Paolo.

"Il volontariato ha avuto inizio qui a San Paolo – ci racconta – circa 5 anni fa con sole 3 volontarie. A tutt'oggi la nostra squadra si è arricchita di ben 12 risorse. Le attività di volontariato, cosi come sono definite dalla legge 266 del 1991 che ne disciplina le organizzazioni, sono quelle attività prestate in modo personale, spontaneo gratuito, senza fini di lucro, anche indiretto, ma esclusivamente per fini di solidarietà, tramite l'organizzazione di cui il volontariato fa parte. Le mie volontarie – continua – sono AnnaRosa, Diana, Rosalia, Luciana, Alessandra, Tiziana, Benedetta, Gabriella, Franca, Marcella, Marta e Maria, e sono innanzitutto delle persone splendide che sanno come accogliere il paziente ed i suoi familiari, informandoli sulle procedure che sono attuate nel nostro Ospedale, dando un valido aiuto nel rilevare le criticità segnalandole tempestivamente".

LEGGI ANCHE: Quattro sedi, una sola comunità: il volontariato a San Paolo

LEGGI ANCHE: Il decalogo dei volontari in Ospedale
 

UN SUPPORTO PER LE FAMIGLIE

"Le volontarie sono inserite – prosegue la dott.ssa Di Giovanni– in tutte le sale di attesa e sono di grande aiuto per attenuare l'ansia dei piccoli pazienti e dei genitori, e si mostrano come un valido supporto alle famiglie, ascoltando i loro bisogni e le loro richieste".

In qualità di tutor dei 12 tirocinanti che si stanno affacciando per la prima volta al mondo del Volontariato dell'Ospedale Bambino Gesù, che al tempo stesso collaborano con altre Associazioni per intrattenere i piccoli pazienti, Cinzia Di Giovanni promuove molti incontri per la formazione. Tutte quante spinte dalla voglia di aiutare il prossimo in difficoltà, si organizzano con turni di 6 ore per non lasciare mai sguarnito il Servizio.
La nostra chiacchierata si conclude con uno sguardo alle prospettive future nella speranza che si riconosca nel Volontariato un interesse sociale nel mettersi al servizio della comunità.


Leggi online l'ultima uscita del magazine InsiemeinOPBG, disponibile anche sull'edicola virtuale Issuu:

Scarica il pdf