Epidemia obesità: scoperti i meccanismi cellulari alla base dei danni al fegato nei bambini

Stampa Pagina

Roma, 13 aprile 2012

Una nuova, importante scoperta scientifica sui meccanismi che regolano l'insorgenza della steatosi epatica non alcolica nei bambini consentirà nell'immediato futuro di adottare nuove soluzioni terapeutiche in grado di rallentare sensibilmente la progressione della malattia nei piccoli pazienti.

Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Hepatology, condotto dal Dott. Valerio Nobili, Responsabile di Malattie Epato-metaboliche dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, dal Dott. Guido Carpino, Ricercatore di Anatomia Umana presso l'Università "Foro Italico" di Roma, e coordinato dal Prof. Eugenio Gaudio, Ordinario di Anatomia Umana e Preside della Facoltà di Farmacia e Medicina dell'Università "La Sapienza" di Roma, rappresenta un importante passo in avanti per la conoscenza e per il trattamento di una delle patologie del fegato più frequenti in età pediatrica e che, se non curata tempestivamente ed efficacemente, conduce a una sensibile riduzione dell'aspettativa di vita da adulti.

Al Bambino Gesù, punto di riferimento a livello mondiale per lo studio, la diagnosi e la cura di questa malattia, ogni anno vengono curati centinaia di bambini che ne sono affetti, provenienti da tutte le regioni italiane.    

Negli ultimi due decenni la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) ha raggiunto proporzioni di una vera e propria epidemia anche tra i più piccoli diventando la patologia cronica del fegato più frequente nel mondo occidentale: sono ormai numerosi gli allarmi che arrivano dalle principali organizzazioni mondiali deputate al controllo dello stato di salute della popolazione pediatrica. In Italia si stima che ne sia affetto circa il 15% dei bambini.

Così come gli adulti, anche i bambini affetti da steatosi epatica non alcolica possono presentare danni metabolici caratterizzati da aumento della circonferenza addominale, ipertensione, insulino-resistenza, ipercolesterolemia, tutte condizioni che aumentano il rischio di sviluppare diabete mellito di tipo 2, sindrome metabolica o malattie cardiovascolari e che ne riducono le aspettative di vita come mai successo da prima del dopoguerra ad oggi.

Lo studio, frutto della collaborazione tra Sapienza e Bambino Gesù, ha dimostrato il coinvolgimento delle cellule staminali epatiche nella progressione della malattia e la capacità delle cellule del fegato di secernere mediatori cellulari (citochine ed adipochine): è proprio sui recettori di tali molecole che - ad esempio - oggi agiscono i più moderni farmaci per la cura del diabete. Questa scoperta apre pertanto opportunità terapeutiche fino a ieri impensabili.

"Invertire il processo degenerativo di un fegato compromesso dall'eccesso di grasso o dalle infiammazioni ad esso conseguenti è lungo e complicato. Ad oggi – sottolinea il Dott. Valerio Nobili, Responsabile di Malattie Epato-metaboliche dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – appena un bambino su dieci riesce, con l'aiuto della famiglia, grazie a un'alimentazione sana e all'intensa attività fisica, a porre un freno al meccanismo che lo condurrebbe alla cirrosi epatica.

I risultati dello studio condotto ci indicano la strada per arrestare con principi attivi, peraltro già disponibili, quei fenomeni che portano all'istaurarsi del danno epatico e alla sua progressione nel fegato dei bambini affetti da NAFLD con un miglioramento di molte delle funzioni metaboliche alterate in questi bambini.

Oltre agli aspetti per così dire "culturali" della questione sovrappeso e obesità, esiste anche una componente economica non irrilevante, soprattutto in questo periodo indicato dagli analisti come recessivo. Se e con che portata la crisi economica si ripercuota sulla nostra salute attraverso le scelte alimentari che facciamo, è fatto ormai noto. Il nostro ruolo di medici è tuttavia limitato a individuare soluzioni-tampone, la vera partita per salvare i nostri ragazzi da un'età adulta dalla salute compromessa si gioca su altri tavoli: quelli da pranzo e quelli delle istituzioni, oltre naturalmente alle nostre palestre".

Il Prof. Eugenio Gaudio, Ordinario di Anatomia Umana e Preside della Facoltà di Farmacia e Medicina dell'Università "La Sapienza" di Roma, evidenzia come la ricerca di base possa fornire il razionale per innovativi approcci terapeutici: "I meccanismi cellulari alla base della progressione della NAFLD sono, ad oggi, poco conosciuti e oggetto di numerose ricerche. Nel fegato umano sono presenti cellule staminali residenti che prendono parte ai processi rigenerativi in seguito a danno. Con questo lavoro, abbiamo dismostrato che le cellule staminali epatiche sono coinvolte nell'evoluzione della steatosi epatica non alcolica nei bambini e che le adipochine da esse prodotte sono in grado di influenzare la progressione della malattia verso la steatoepatite e la fibrosi. I risultati della nostra ricerca aprono la possibilità di sviluppare nuovi e mirati approcci terapeutici che abbiano come target la modulazione dell'attività delle cellule staminali epatiche".

Torna all'area stampa>>