IDROXOCOBALAMINA ORALE

Stampa Pagina

05 aprile 2019

NOME FARMACO/PRINCIPIO ATTIVO 
Idroxocobalamina
 
NOMI COMMERCIALI
Neocytamen
 

A COSA SERVE
L'Idroxocobalamina viene utilizzata per il trattamento delle anemie megaloblastiche dovute a carenza di vitamina B12.

PERCHÉ È IMPORTANTE CHE MIO FIGLIO LO PRENDA
È importante che il bambino assuma Idroxocabalamina per ripristinare i normali livelli di vitamina B12 nel sangue.

IN CHE FORMA È DISPONIBILE
Il farmaco Idroxocobalamina è disponibile in fiale da 1000 mcg in 2,5 ml per uso orale o iniettabile.

QUANTO DEVE PRENDERNE E QUANTE VOLTE AL GIORNO
Spetta al medico stabilire di quanto farmaco ha bisogno il bambino e per quante volte al giorno. Per far sì che il medicinale abbia l'effetto voluto, è importantissimo seguire scrupolosamente la prescrizione del medico. È consigliabile somministrare la medicina tutti i giorni alle stesse ore per ricordarsene più facilmente e non dimenticare una dose.

COME DEVE PRENDERLO
L'Idroxocobalamina può essere presa per via orale, senza particolari precauzioni, o per via intramuscolare, in base alla prescrizione del medico.

QUANTO CI VUOLE PER FARE EFFETTO
Non è possibile stabilire quanto tempo sia necessario perché si manifestino i benefici dati dall'azione di Idroxocobalamina. È importante la completa aderenza alla terapia prescritta dal medico per massimizzare l'effetto del farmaco.

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI PIÙ IMPORTANTI
Gli effetti collaterali più comuni dati dall'utilizzo di Idroxocobalamina si manifestano soprattutto all'inizio del trattamento e sono: nausea, cefalea (mal di testa), capogiri, febbre, ipokaliemia (abbassamento dei livelli di potassio nel sangue). 

COSA SUCCEDE SE NE PRENDE TROPPO
Non sono noti effetti da sovradosaggio di Idroxocobalamina. È bene rivolgersi al medico curante se si sospetta che il bambino abbia assunto una dose eccessiva di farmaco.

PUÒ PRENDERE ALTRI MEDICINALI?
È sempre bene riferire al medico se il bambino sta assumendo altri farmaci per evitare interazioni con potenziali effetti indesiderati o perdita di efficacia del farmaco.
L'assorbimento intestinale di Idroxocobalamina è ridotto da farmaci come neomicina, colchicina e antagonisti del recettore H2 (antiacidi come la ranitidina). 

COSA SUCCEDE SE SALTA UNA DOSE
Se ci si rende conto di aver saltato una dose, si deve somministrare al bambino la dose dimenticata, senza mai somministrare una dose doppia per ovviare alla dimenticanza.

COSA SUCCEDE SE IL BAMBINO VOMITA
Per la somministrazione orale del farmaco, se il bambino vomita entro 30 minuti dalla somministrazione di Idroxocobalamina, è necessario che assuma nuovamente la dose. Se, invece, sono trascorsi più di 30 minuti dalla somministrazione, può tranquillamente prendere la dose seguente all'orario prestabilito.

ALLATTAMENTO
È noto che l'Idroxocobalamina è in grado di passare nel latte materno. Non vi sono prove che possa essere dannosa per il lattante. Inoltre, tale terapia potrebbe essere un vantaggio sia per la mamma che per il bambino quando entrambi hanno una carenza di vitamina B12. E' bene rivolgersi sempre al medico per decidere se il trattamento con questo farmaco vada proseguito.  

COS'ALTRO POSSO SAPERE SU QUESTA MEDICINA
Durante il trattamento con Idroxocobalamina è bene tenere sotto controllo i livelli di vitamina B12 nel sangue.
All'inizio del trattamento è bene controllare anche i livelli di potassio nel sangue per evitare aritmie causate dall'eccessivo abbassamento dei livelli di potassio nel sangue (ipokaliemia) che si può verificare a seguito del trattamento con Idroxocobalamina.

COME DEVO CONSERVARE QUESTA MEDICINA
Conservare le fiale di Idroxocobalamina a temperatura ambiente (non superiore a 25 °C) in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce. Non utilizzare il farmaco oltre la data di scadenza riportata. Tenere in luogo non accessibile ai bambini. Conservare il farmaco nella confezione originale assieme al foglietto illustrativo.

Per ulteriori informazioni:
https://www.codifa.it
https://farmaci.agenziafarmaco.gov.it/bancadatifarmaci/cerca-farmaco


a cura di:Tiziana Corsetti, Antonella Mongelli, Michela Lombardo
Unità Operativa di Farmacia
In collaborazione con: