L'analisi del movimento per una giusta terapia riabilitativa

8 telecamenre a raggi infrarossi, una pedana dinamometrica, un sistema di registrazione del movimento del paziente. Ecco come funziona il "motion capture" del MarLab
Stampa Pagina

Simone, ricercatore in psicologia cognitiva, impegnato giornalmente nel reparto di Neuroriabilitazione dell'Ospedale Bambino Gesù, ci spiega i vantaggi dell'analisi del movimento.

"L'analisi del movimento consente di dare ai pazienti un'accurata valutazione oggettiva delle funzioni motorie e, grazie ad essa, nasce la possibilità di migliorare la qualità e la modalità di cura del paziente. Per facilitare un corretto utilizzo degli strumenti che ci vengono forniti dalle industrie e dal progresso tecnologico, dobbiamo conoscere attentamente la clinica e applicare in maniera oggettiva un valido programma di valutazione".
"La ricerca scientifica, è parte integrante del nostro lavoro, proiettato continuamente a trovare soluzioni innovative per aiutare questi pazienti a recuperare le funzioni motorie che hanno perso in maniera totale o parziale".

Per avere dati certi il Laboratorio di Analisi del Movimento dell'Ospedale Bambino  Gesù è  stato provvisto di 8 telecamere a raggi infrarossi e di una pedana dinamometrica inserita nel pavimento, che permette di registrare le forze di reazione piede-suolo e di eseguire un'analisi di quelle generate e assorbite durante il cammino.
I led di queste telecamere emettono degli impulsi luminosi ad alta frequenza (fino a 1200 impulsi al secondo). Questi "flash" sono a luce infrarossa, perciò non sono visibili ad occhio nudo ma vengono riflessi da appositi "markers" disposti su tutto il corpo del paziente, secondo una mappa standardizzata dei reperi anatomici (i punti di repere sono formazioni anatomiche che ci permettono di risalire agli organi interni)

Un po' come accade col "motion capture" utilizzato nel cinema 3D, le speciali telecamere sono in grado di ricostruire in tempo reale la posizione nello spazio di ogni marker, analizzando quindi il movimento del paziente. Ma, a differenza della tecnologia utilizzata nell'industria cinematografica, qui telecamere, markers e il relativo software sono progettati e calibrati per individuare ogni più piccola irregolarità del camminamento del paziente. 
I dati che vengono raccolti servono a comprendere nel dettaglio il problema del paziente e a valutare i suoi progressi in seguito alla terapia riabilitativa.