Lesioni del menisco

Piuttosto frequenti in età pediatrica, soprattutto nel periodo adolescenziale, le lesioni del menisco sono causate da contusioni e distorsioni del ginocchio. Questi traumi si verificano solitamente nel corso di attività sportive e nella maggior parte delle lesioni del menisco è necessario eseguire un trattamento chirurgico
Stampa Pagina

04 giugno 2019

CHE COSA SONO
I menischi sono due piccole strutture cartilaginee a forma di semiluna che, nel ginocchio, sono posti come cuscinetti, fungendo da ammortizzatori tra l'estremità inferiore del femore e l'estremità superiore della tibia. Uno è situato nella parte interna del ginocchio (menisco interno) e l'altro nella parte esterna (menisco esterno).
Il loro ruolo è fondamentale in quanto distribuiscono i carichi articolari, proteggono la cartilagine di rivestimento e contribuiscono alla stabilità dell'articolazione. I menischi possono andare incontro a diversi tipi di lesione.

QUALI SONO LE CAUSE
Le lesioni del menisco sono piuttosto frequenti in età pediatrica, soprattutto nel periodo adolescenziale. Sono causate da traumi che causano contusioni e distorsioni del ginocchio. Questi traumi si verificano solitamente nel corso di attività sportive come sci, rugby, calcio, basket, pallamano, ginnastica artistica.

QUALI SONO I SINTOMI
I sintomi principali possono comprendere:

- Dolore;
- Gonfiore;
- Zoppia;
- Blocco articolare.

COME SI FA LA DIAGNOSI
La diagnosi si basa sulla raccolta della storia clinica e delle modalità del trauma e su una visita accurata.
In seguito a una lesione meniscale il ginocchio può essere dolente e gonfio, in seguito al versamento articolare formatosi dopo il trauma. Il paziente può, inoltre, presentare una limitazione nella capacità di flettere e di estendere il ginocchio, in quanto il menisco andato incontro a rottura può spostarsi dalla sua sede e limitare la mobilità dell'articolazione.
La diagnosi va sempre confermata con la risonanza magnetica, che permette di valutare il danno a carico dei menischi e la presenza di altre eventuali lesioni associate. 

COME SI CURA
Il trattamento varia a seconda del tipo di lesione presente. Pertanto, con la RMN va effettuata una diagnosi più precisa possibile.
Le lesioni meniscali possono essere di diverso tipo: radiali, verticali, orizzontali, complesse, a manico di secchia.
Inoltre, le lesioni meniscali possono interessare le differenti parti del menisco: il corno posteriore, il corpo, il corno anteriore.
Infine, le lesioni meniscali possono essere centrali, quando interessano la parte più interna, e periferiche, quando sono localizzate nella parte più esterna. Le lesioni periferiche sono quelle che possono guarire più facilmente con un trattamento conservativo (vale a dire senza ricorrere all'intervento chirurgico), essendo la parte esterna del menisco quella maggiormente vascolarizzata.
La maggior parte delle lesioni del menisco necessita di un trattamento chirurgico, che viene eseguito in chirurgia mini-invasiva, ovvero in artroscopia.
Le lesioni periferiche, interessando la parte più vascolarizzata del menisco, possono essere sottoposte a sutura.
Purtroppo, per la particolare anatomia del menisco, non tutte le lesioni sono suturabili (vale a dire cucibili  con fili o graffette) e, frequentemente, è necessario asportare la parte di menisco danneggiata.
La procedura chirurgica che prevede l'asportazione del menisco si chiama meniscectomia.
La meniscectomia può essere:

- Parziale (o selettiva);
- Sub-totale;
- Totale.

La meniscectomia è parziale o selettiva, quando si asporta soltanto la parte di menisco danneggiata; in presenza di una lesione complessa, ampia e non suturabile, si asporta il menisco in buona parte (meniscectomia sub-totale) o completamente (meniscectomia totale).
Durante il trattamento si cerca di conservare quanto più menisco possibile, essendo i menischi una struttura fondamentale per preservare la stabilità, l'allineamento delle ossa e la cartilagine articolare.

COME SI PREVIENE
Bisogna evitare i forti traumi distorsivi del ginocchio, con una buona preparazione atletica e con una certa dose di prudenza nel corso delle attività sportive. Anche l'alimentazione è importante per prevenire le lesioni meniscali, in quanto il sovrappeso determina un aumento dell'entità delle sollecitazioni meccaniche a carico dei menischi.

QUAL E' LA PROGNOSI
Dopo il trattamento chirurgico il recupero della funzione è completo. Tuttavia, quando si esegue una meniscectomia sub-totale e totale si può andare incontro, negli anni, a fenomeni di degenerazione della cartilagine articolare (artrosi). 

Fig. 4: in questa immagine si evidenzia una meniscectomia selettiva a livello del menisco esterno. In alto si apprezza il condilo femorale esterno, al centro il menisco, in basso l'emipiatto tibiale esterno.


a cura di: Massimo Mariani, Dario Mascello
Unità Operativa di Ortopedia
In collaborazione con: