Mal di schiena in età pediatrica e adolescenziale

Spesso i bambini lamentano questo dolore. Per prevenirlo bisogna iniziare dalle piccole cose, come controllare il peso dello zaino scolastico
Stampa Pagina

21 maggio 2018

CHE COS'È
Il mal di schiena è un disturbo comune negli adulti e, sebbene sia meno frequente tra bambini e adolescenti, tende ad essere sempre più spesso anche in queste età la motivazione per una visita:

- I bambini sotto i 10 anni di età generalmente tendono a non lamentare mal di schiena importante e l'eventuale dolore si risolve spontaneamente nel giro di pochi giorni. Tuttavia, se il dolore tende a persistere, in particolare in assenza di un trauma, è opportuno un approfondimento per escludere eventuali patologie; i bambini più piccoli possono manifestare mal di schiena rifiutandosi di camminare o con alterazioni della marcia, e la comparsa di questi sintomi consiglia una visita medica;
- Adolescenti e pre-adolescenti tendono a impegnarsi in attività più stressanti e impegnative per la colonna vertebrale, e possono soffrire di mal di schiena in seguito a traumi o a sovraccarico funzionale in corso di attività sportiva. Anche abitudini scorrette, come l'errata postura nei banchi scolastici e l'uso di zaini eccessivamente pesanti, possono causare dolore da sovraccarico alla colonna vertebrale.

ZAINI E MAL DI SCHIENA
Il mal di schiena da sovraccarico legato all'uso di borse o zaini scolastici eccessivamente pesanti è diventato comune nei bambini in età scolare. Di per sé lo zaino è un ottimo sistema per portare pesi, perché se è correttamente indossato e regolato sulla corporatura di chi lo porta sfrutta i muscoli più forti del corpo con una distribuzione ottimale dello sforzo fisico; tuttavia lo zaino non deve essere caricato eccessivamente e non deve superare mai il 10%-15% del peso del bambino che lo porta (un bambino che pesa 35 Kg non dovrebbe portare uno zaino che pesi più di 4 kg). Un peso eccessivo sposta indietro il baricentro costringendo chi lo porta ad assumere una postura con le anche flesse e la colonna vertebrale flessa in avanti, causando dolore muscolare; inoltre un carico eccessivo sulle cinghie di trasporto che poggiano sulle spalle (gli spallacci) può causare fenomeni di compressione vascolare e nervosa con comparsa di formicolii e perdita di sensibilità agli arti superiori. Anche l'abitudine diffusa di portare lo zaino su una sola spalla è estremamente scorretta perché costringe a sopportare tutto il peso su un solo lato della schiena e causa dolore da sovraccarico. I "trolley", cioè gli zaini dotati di ruote e maniglia che possono essere trascinati, permettono di portare pesi leggermente superiori, ma anche questi, se sovraccaricati, possono diventare causa di dolore alla schiena e agli arti superiori.
La stragrande maggioranza dei mal di schiena di bambini e adolescenti tendono a risolversi con il riposo, la limitazione dei pesi trasportati e l'uso occasionale di blandi antidolorifici, come il paracetamolo. Infatti la causa più comune del mal di schiena è un sovraccarico funzionale o un trauma a carico dei tessuti molli, riportato durante il gioco o l'attività sportiva.
In alcuni casi, tuttavia, il dolore tende a non diminuire o a ripresentarsi, oppure può essere accompagnato da altre manifestazioni quali sciatica (dolore irradiato lungo l'arto inferiore), intorpidimento o formicolio agli arti inferiori, oppure febbre e allora può essere consigliabile un approfondimento diagnostico.

QUALI PATOLOGIE LO CAUSANO

Spondilolisi 
La spondilolisi è una lesione della parte posteriore delle vertebre lombari, che si caratterizza come una "frattura da stress", e può essere causa di dolore, tipicamente presente in ragazzi impegnati in attività sportive che comportino l'iperestensione della colonna vertebrale (cioè la flessione all'indietro), come danza, ginnastica, tuffi o pallavolo.

Spondilolistesi
La spondilolistesi è un'evoluzione della spondilolisi, nella quale la vertebra "scivola" su quella sottostante fino a dislocarsi in avanti; questa condizione può causare intenso mal di schiena e dare compressione sulle radici nervose della colonna, causando sintomi come sciatica e alterazioni della sensibilità (parestesie) agli arti inferiori. 

Morbo di Scheuermann 
Il Morbo di Scheuermann è causato da un difetto di crescita della parte anteriore delle vertebre toraciche: normalmente le vertebre toraciche presentano una forma cilindrica, ma in questa malattia la loro forma diviene simile ad un cuneo, causando un aumento patologico della normale cifosi della colonna. La condizione si manifesta come dorso curvo rigido, ed è spesso causa di dolori alla schiena e di limitazione funzionale nei soggetti colpiti. Il morbo di Scheuermann si manifestra tra i 10 e i 15 anni di età, ed è più frequente nei maschi.
Contrariamente al morbo di Scheuermann la Scoliosi, non provoca nella stragrande maggioranza dei casi mal di schiena nei ragazzi che ne sono affetti.

Lesioni del disco intervertebrale e fratture vertebrali
Adolescenti e bambini impegnati in attività sportive intense e/o a rischio cadute (skateboard, pattinaggio, sci e snowboard, mountain bike, equitazione, ecc.) possono riportare lesioni della colonna vertebrale sia per trauma diretto che con meccanismo traumatico indiretto. Traumi intensi possono causare una frattura vertebrale o una lesione del disco intervertebrale; oltre al dolore, può essere presente una sintomatologia di tipo neurologico causata da fenomeni di compressione sui tessuti nervosi da parte delle strutture della colonna lesionate.

Infezioni (Spondilodisciti)
Le infezioni della colonna vertebrale, che colpiscono il disco intervertebrale e le vertebre prendono il nome di spondilodisciti e sono fortunatamente rare nell'età dello sviluppo, ma è importante diagnosticarle il prima possibile e sottoporle al corretto trattamento con antibiotici e immobilizzazione con corsetto, per eradicarle prima che causino complicanze o sequele che possono interferire con il corretto sviluppo della colonna. Nei bambini piccoli queste infezioni possono manifestarsi con rifiuto a camminare, inappetenza, irritabilità. Bambini più grandi e adolescenti lamentano mal di schiena che non tende a migliorare o che ricorre nel tempo, a volte accompagnato da febbre o febbricola. È importante rivolgersi al Pediatra o all'Ortopedico che nel sospetto diagnostico richiederanno esami ematici, una radiografia e, eventualmente, una risonanza magnetica per confermare la diagnosi.


a cura di: Osvaldo Mazza
Dipartimento Chirurgico

In collaborazione con: