Muffe: 10 regole per evitarle

I consigli degli esperti del Bambino Gesù per contrastare la crescita delle muffe, all'interno e all'esterno della casa.
Stampa Pagina

20 maggio 2016

Le muffe sono funghi microscopici del regno vegetale. Nella loro crescita producono le spore, particelle molto piccole, che si disperdono nell'aria nel periodo critico alla fine dell'estate e in autunnoLe specie più diffuse in Italia sono l'Alternaria e il Cladosporium.

Le muffe possono crescere all'interno e all'esterno della casa:
* all'interno della casa le muffe si trovano su pavimenti e pareti umide, talvolta dietro i mobili, negli armadi a muro, nelle scarpiere, nella carta da parati, all'interno di materassi, cuscini e divani, nei tappeti, nei filtri del riscaldamento ad aria, e di condizionatori, negli umidificatori, nei frigoriferi, nei cibi mal conservati, e nelle piante ornamentali.
* all'esterno le muffe si possono trovare nel materiale organico in decomposizione (foglie, frutta, legno, cortecce, immondizia) boschi, pinete, o in ambienti di lavoro come caseifici, salumifici, vivai e serre, cartiere, stalle e magazzini.

Di seguito alcuni consigli importanti da seguire per le famiglie che hanno bambini allergici alle muffe:

1.   Non usare umidificatori. Rivestire materasso e cuscino con fodere traspiranti, a trama fitta.

2.   Limitare il numero di piante ornamentali in casa.

3.   Mantenere puliti i contenitori della spazzatura.

4.   Pulire il frigorifero, in particolare le guarnizioni. Eliminare alimenti conservati troppo a lungo o ammuffiti.

5.   Pulire i filtri dei condizionatori o del riscaldamento ad aria, e ventilare bene gli ambienti.

6.   Togliere la carta da parati e sostituirla con vernice lavabile.

7.   Evitare tappetini in bagno e arieggiare sempre l'ambiente dopo bagni o docce calde.

8.   Utilizzare il deumidificatore in caso di ambienti troppo umidi.

9.   Prima di soggiornare in case chiuse per la maggior parte dell'anno, areare bene gli ambienti e rimuovere eventuali formazioni di muffe.

10.  Evitare, nel periodo critico, soggiorni, passeggiate e pernottamenti in boschi e pinete, particolarmente in tenda, o in prossimità di un lago.


a cura di: Alessandro G. Fiocchi
Unità Operativa di Allergologia
In collaborazione con: