Nuovo Coronavirus: le parole da conoscere

Cosa significa tampone? E che vuol dire paucisintomatico? Un dizionario delle parole che usiamo per parlare del Sars-Cov-2
Stampa Pagina

07 aprile 2020


TAMPONE
L'esame del tampone è lo strumento principali di cui oggi disponiamo per fare la diagnosi di infezione da nuovo Coronavirus. Tramite un bastoncino cotonato (tampone) è possibile prelevare dalla gola (tampone faringeo) del materiale biologico (cellule e secrezioni delle prime vie aeree). Il tampone viene mandato in laboratorio dove si dimostra la presenza o meno del virus.

NUOVO CORONAVIRUS: CHE VUOL DIRE ESSERE POSITIVO
Essere positivo al nuovo Coronavirus vuol dire aver contratto l'infezione. Positivo è il risultato del tampone che conferma la presenza del virus nell'organismo.

NUOVO CORONAVIRUS: CHE VUOL DIRE ESSERE NEGATIVO
Essere negativo al nuovo Coronavirus vuol dire che non si è infetti nel momento in cui si è fatto il tampone. Essere negativi può voler dire che non si è ancora contratta l'infezione, oppure che si è ormai guariti.

CONTAGIO
Il contagio è la trasmissione di una malattia da un individuo all'altro per contatto diretto o indiretto. Il contagio, nel caso del nuovo Coronavirus, avviene prevalentemente per via diretta (attraverso le goccioline che produciamo parlando, starnutendo o tossendo) o per via indiretta (ad esempio toccando una superficie su cui è presente il virus e portando poi le mani alla bocca senza averle lavate).

INFETTO
Quando una persona è positiva al nuovo Coronavirus, vuol dire che è infetta dal virus. Infetto, insomma, vuol dire che il virus è in circolazione nell'organismo.

ASINTOMATICO
Asintomatico vuol dire che una persona, pur essendosi infettata con il nuovo Coronavirus, non ha nessun sintomo. In altre parole, il virus è presente, ma non ci sono febbre, tosse e tutti gli altri sintomi causati dal virus. Può darsi che i sintomi compaiano nei giorni successivi oppure che siano destinati a non comparire mai.

PAUCISINTOMATICO
Paucisintomatico significa che una persona, pur essendosi infettata con il nuovo Coronavirus, ha sviluppato sintomi lievi. Sono paucisintomatiche tutte le persone che, anche se infette non hanno, ad esempio, febbre alta (superiore a 38°C) o i sintomi più gravi della malattia (difficoltà a respirare)

GUARITO
Si definisce guarito chi, dopo aver contratto l'infezione da nuovo Coronavirus, sta bene e risulta negativo al tampone. Questo vuol dire che è riuscito a sconfiggere il virus: l'organismo si è sbarazzato del virus.

INCUBAZIONE
L'incubazione è il periodo di tempo che passa tra l'infezione – cioè l'ingresso del virus nell'organismo – e la manifestazione dei primi sintomi. Nel caso del nuovo Coronavirus, i sintomi sono febbre, tosse, malessere e naso che cola. Per quanto riguarda la malattia Covid-19, il periodo di incubazione varia tra 2 ed 11 giorni con un massimo di 14 giorni.

QUARANTENA
In origine, quarantena voleva dire un isolamento di quaranta giorni dei malati di malattie contagiose, per evitare la diffusione della malattia. Oggi, il termine viene utilizzato a prescindere dal numero dei giorni di isolamento: nel caso del nuovo Coronavirus, ad esempio, la quarantena è di 14 giorni. Questo periodo si calcola in base al tempo massimo di incubazione della malattia.

PRE-SINTOMATICO
Pre-sintomatico significa che un soggetto si trova nel periodo di incubazione della malattia (vedi definizione sopra) e non mostra ancora i sintomi. Non è ancora chiaro se nella condizione di pre-sintomatico un soggetto può trasmettere la malattia, ma recenti studi mettono in evidenza che questa situazione è possibile.

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

Sfoglia online il Percorso di Cura e Salute sul Nuovo Coronavirus:


in collaborazione con: