Molestie sui minori: su Rai Gulp prende il via la serie Jams

Prodotta da Rai Ragazzi e Stand By Me, è realizzata con la consulenza dei neuropsichiatri dell'Ospedale
Stampa Pagina

05 marzo 2019

Insegnare ai ragazzi come decifrare eventuali comportamenti ambigui degli adulti, a riconoscere i rischi e soprattutto a parlare superando la paura e la vergogna. E' questo lo spirito che anima ‘Jams', la prima serie rivolta ai giovani, prodotta da Rai Ragazzi e Stand By Me con la consulenza dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che affronta il tema delle molestie sui minori.  

La prima puntata è stata presentata questa mattina durante una conferenza stampa nella sede Rai di Viale Mazzini e nella quale sono intervenuti il Direttore Generale dell'Ospedale, Ruggero Parrotto, la producer di Stand By Me, Simona Ercolani, il direttore Rai Ragazzi, Luca Milano e i giovani protagonisti della serie. Jams sarà disponibile da mercoledì 6 marzo in anteprima su Raiplay e andrà in onda su Rai Gulp dal lunedì al venerdì, a partire dall'11 marzo

«Lo spirito – ha dichiarato il Direttore Generale del Bambino Gesù, Ruggero Parrotto- è quello di portare la competenza, la ricerca e l'esperienza a disposizione del servizio pubblico su un tema così delicato e purtroppo attuale. Per raccontarla ci vuole delicatezza e allo stesso tempo bisogna anche accettare la realtà». 

Nella serie vengono raccontate le storie di quattro ragazzi, Joy, Alice, Max e Stefano. Un'amicizia consolidata sotto l'acronimo Jams, ottenuto dalle lettere le iniziali dei loro nomi. I quattro ragazzi frequentano la prima media, vivono le esperienze tipiche della loro età come i primi amori, le amicizie e le piccole rivalità. Mentre partecipano a un ‘contest' di cucina, si troveranno ad affrontare un problema che minerà la loro spensieratezza: quello delle molestie subite da uno di loro.

Fin dalle sue prime fasi, il progetto alla base della serie è stato supportato dalla consulenza scientifica dell'equipe di Neuropsichiatria Infantile dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che ha seguito il lavoro in fase di scrittura e di ripresa. Gli esperti hanno anche messo a punto una scheda con alcune informazioni per identificare, prevenire e combattere possibili casi di molestie e abusi sessuali

Nel video le interviste a Paola De Rose e Flavia Cirillo dell'Unità Operativa di Neuropsichiatria dell'Ospedale: