Sicurezza del Bambino in Viaggio

Consigli per grandi e piccini per affrontare l'estate e promuovere un turismo intelligente
Stampa Pagina

Le cose più importanti in vacanza sono l'aria e il tempo. La possibilità di respirare aria non inquinata e condividere tempo libero e di qualità con i propri figli, sono le due condizioni indispensabili per concedere a se stessi e regalare alla propria famiglia una vacanza rigenerante.

Sarebbe ideale bilanciare iodio ed ossigeno attraverso una vacanza al mare –che regala un senso di libertà- e una sosta in montagna –che offre un contatto con la natura e garantisce un miglior riposo notturno. 
Restano tuttavia da seguire dei piccoli consigli pratici per far sì che la vostra vacanza costituisca davvero un'opportunità per ritemprare la mente e distendere il fisico dalle fatiche accumulate durante l'inverno. 

L'esposizione ai raggi solari, se effettuata per un tempo non prolungato, è sicuramente utile all'organismo e per tutti i bambini dovrebbe concentrarsi nelle ore meno calde distribuite tra mattina e pomeriggio, prima delle 11 e dopo le 17. 
E' importante che conosciate il fenotipo di vostro figlio per decidere le modalità di esposizione e il tipo di filtro da utilizzare, pur nella consapevolezza che non esistono creme a protezione totale e che la crema di protezione deve essere spalmata almeno ogni due ore su tutto il corpo. 

Non esistono controindicazioni particolari per l'altitudine. Scegliere di portare i bambini in montagna è un'ottima soluzione per le vacanze estive. Svolgete però le normali attività con moderazione perché, a causa della maggior rarefazione dell'aria, queste possono risultare più faticose. 

Per l'alimentazione, riducete l'assunzione di cibi grassi e l'apporto calorico preferendo carboidrati semplici a più rapida digeribilità. Cercate però di aumentare l'apporto idrico con assunzione di acqua e introducendo maggior quantità di frutta e verdura. 

Ricordate che la maggior parte degli incidenti d'auto gravi è purtroppo ancora oggi causata dal mancato utilizzo, in auto, di seggiolini e cinture di sicurezza, anche posteriori. Legate sempre i vostri bambini, dal più piccolo al più grande perché, anche a bassa velocità, in caso di impatto, il corpo subisce un'accelerazione tale che risulta impossibile trattenerlo, anche se tenuto in braccio da un adulto. 

Per il Bagno in mare dovrete aspettare dalle due (in caso il bambino abbia assunto cibo rapidamente digeribile, come un piatto di pasta) alle tre ore da un pasto. 
Riducete al minimo le possibilità di un colpo di calore. Cercate di sostare in ambienti freschi nelle ore più calde della giornata, indossate abiti leggeri e di colore chiaro, utilizzate aria condizionata o ventilatore in modo "intelligente", fate un bagno o una doccia rinfrescanti e non effettuate attività fisica nelle ore più calde. 

Infine non dimenticate di:
Memorizzare sul telefonino il numero di un centro antiveleni; 
Portare con voi la tessera sanitaria vostra e del bambino;
Creare una piccola farmacia da viaggio contenente: un antipiretico-analgesico; sali reidratanti; un antistaminico per attenuare pruriti; un farmaco antivomito; un antisettico per uso topico per le piccole ferite; cerotti e garze; repellenti per zanzare; un termometro.


Vedi anche: Bambini in auto