Tumori Cerebrali

Generalmente a carico del cervello, i tumori cerebrali possono interessare più di rado, anche il midollo spinale. Tra le principali cause di mortalità infantile e invalidità permanente, rappresentano i tumori solidi più frequenti nei bambini
Stampa Pagina

07 maggio 2019

I tumori cerebrali rappresentano i tumori solidi più frequenti dell'età pediatrica, secondi per incidenza solo alle leucemie, costituiscono il 20-25% dei tumori che colpiscono i bambini. Circa 400 bambini si ammalano ogni anno in Italia di tumore cerebrale.
Sebbene più frequentemente nei bambini i tumori cerebrali si sviluppino a livello del cervello, anche i tumori che interessano il midollo spinale, appartengono alla famiglia dei tumori cerebrali.
I tumori cerebrali pediatrici, nonostante siano molto differenti dal punto di vista istologico, sono accomunati da alcune caratteristiche; in particolare istologicamente, nei bambini, nella maggior parte dei casi, sono di natura embrionaria. Tendono a diffondersi quasi esclusivamente all'interno del sistema nervoso centrale; raramente possono dare metastasi in organi solidi e la via di diffusione metastatica è rappresentata principalmente dal liquor.
Sebbene siano tumori frequenti nei bambini e che per via della sede spaventino, sono malattie curabili con possibilità di sopravvivenza globale che si attesta attorno al 70%. Nonostante ciò, i tumori cerebrali rimangono una delle principali cause di mortalità infantile e di invalidità permanente.
La complessità della neuro-oncologia richiede una rete di collaborazioni intensa tra diversi specialisti.
L'obiettivo principale verso cui si stanno concentrando le ricerche è duplice: incrementare il numero di bambini che guariscono da un tumore cerebrale e migliorarne la qualità di vita. Per fare questo la neuro-oncologia pediatrica si sta muovendo in numerosissime direzioni: miglioramento delle tecniche chirurgiche (sviluppo di tecnologie avanzate quali la neuro-navigazione, la chirurgia endoscopica, il monitoraggio neurologico e il controllo radiologico intra-operatorio), miglioramento della conoscenza delle caratteristiche molecolari e biologiche dei singoli tumori per sviluppare farmaci "intelligenti" target, miglioramento delle tecniche di radioterapia con lo scopo di ridurre gli effetti collaterali a medio-lungo termine. Numerosi sono gli studi clinici sperimentali su nuovi farmaci disponibili per i tumori cerebrali pediatrici presso l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Per saperne di più:

- Tumori del bambino: effetti tardivi
Tumori rari
Tumori solidi che colpiscono l'età pediatrica
Tumori: come si curano
- Craniofaringioma
- Oligodendroglioma
- Neuroblastoma
- Medulloblastoma
- Ependimoma
- Glioma diffuso intrinseco del ponte
- Astrocitoma talamico e ipotalamico
- Glioma, astrocitoma


a cura di: Angela Mastronuzzi, Giada Del Baldo
Unità Operativa di Neuro-Oncologia
In collaborazione con: