Ulcera del Buruli

Malattia tropicale che colpisce la pelle e se non curata può provocare gravi cicatrici e disabilità
Stampa Pagina

28 febbraio 2020


CHE COS'È

L'ulcera del Buruli, causata dal Mycobacterium ulcerans, è una malattia cronica debilitante che colpisce principalmente la pelle e talvolta può arrivare a interessare i tessuti più profondi, ossa comprese. L'ulcera del Buruli è stata segnalata in diversi paesi in Africa, nelle Americhe, in Asia e nel Pacifico occidentale. La maggior parte dei casi si verifica in regioni tropicali e subtropicali ad eccezione di Australia, Cina e Giappone.

QUALI SONO LE CAUSE
Il Mycobacterium ulcerans appartiene alla stessa famiglia dei batteri che causano la tubercolosi e la lebbra, e la modalità di trasmissione all'uomo del M. ulcerans non è del tutto chiara, sebbene la malattia sia nota per essere collegata ad acqua contaminata. Le aree colpite dall'ulcera del Buruli si trovano vicino ad acque stagnanti o che si muovono lentamente e le epidemie sembrano essere correlate ai cambiamenti ambientali (deforestazione, agricoltura, impianti idraulici) che coinvolgono le acque superficiali. Le ulcere del Buruli sono state osservate più frequentemente durante la stagione delle piogge in Africa e l'esposizione può verificarsi anche in campi agricoli fangosi. La penetrazione del M. ulcerans avviene probabilmente attraverso lesioni della cute. La diagnosi e il trattamento precoci sono fondamentali per ridurre al minimo la frequenza, i costi e per prevenire le disabilità a lungo termine della malattia.

QUALI SONO I SINTOMI 
L'ulcera del Buruli è una malattia ulcerosa della pelle. Spesso inizia con un nodulo indolore di diametro inferiore a 5 cm, di solito sulle braccia e sulle gambe (forma non ulcerativa). Questi noduli si trasformano poi in grandi ulcere con margini non ben definiti e una base giallo-biancastra (forma ulcerativa). L'ulcerazione tende a progredire lentamente e senza sintomi. Le ulcere possono arrivare a danneggiare in modo permanente i tessuti della pelle e quelli più profondi (compresi tendini, vasi sanguigni e ossa) causando gravi disabilità e gravi cicatrici.

COME SI FA LA DIAGNOSI
La diagnosi di ulcera del Buruli viene effettuata sulla base dei criteri clinici e di laboratorio. I test di laboratorio necessitano di laboratori a elevata specializzazione e si basano: sull'esame microscopico, sulla coltura, sull'esame istopatologico del tessuto e su tecniche molecolari (Polimerase Chain Reaction - PCR). 

COME SI CURA
Alla base della cura vi è la terapia antibiotica che riduce sensibilmente il numero di recidive e favorisce la guarigione completa. Il trattamento farmacologico può essere associato al trattamento chirurgico - pulizia della ferita con rimozione del tessuto necrotizzato - con ottimi risultati in termini di recupero dei tessuti colpiti. La scelta della terapia varia in base alle risorse disponibili e allo stadio della malattia. Nei Paesi sviluppati, il trattamento antibiotico viene combinato alla chirurgia. Nei Paesi in via di sviluppo, i servizi di chirurgia e anestesia sono scarsi e quindi poco utilizzati.

COME SI PREVIENE
Non esiste un vaccino contro l'ulcera del Buruli. Limitare l'esposizione a fonti d'acqua contaminate può essere utile, sebbene possa essere difficile nelle aree in cui il batterio è diffuso e in cui le attività agricole richiedono uno stretto contatto con i corsi d'acqua.
È necessaria una migliore comprensione dei meccanismi di trasmissione per mettere a punto metodi efficaci per la prevenzione dell'ulcera del Buruli.

QUAL È LA PROGNOSI
L'ulcera del Buruli può andare incontro a guarigione spontanea in un terzo dei casi, ma i meccanismi che portano alla guarigione sono poco noti. Si tratta comunque di un processo piuttosto lento che richiede diversi mesi. L'ulcera del Buruli può essere curata con una diagnosi e una terapia precoci, ma se diagnosticata in ritardo le ulcere possono arrivare a danneggiare in modo permanente i tessuti cutanei e quelli più profondi (compresi tendini, vasi sanguigni e ossa) causando gravi disabilità e gravi cicatrici. Si possono, inoltre, verificare sovrainfezioni batteriche che, nei casi più gravi, possono arrivare a causare un'infezione delle ossa (osteomielite) e una disseminazione del battere nel sangue (sepsi). 


a cura di: Caterina Rizzo
Unità Operativa di Percorsi Clinici ed Epidemiologia
In collaborazione con: