Una nuova ambulanza per il trasporto d'emergenza neonatale

Il nuovo mezzo, donato da un privato, consente di assistere anche i neonati più critici e complessi
Stampa Pagina

Una nuova ambulanza va ad ingrandire le fila di quelle già in dotazione al Servizio di Trasporto Emergenza Neonatale (STEN) dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. La vettura è stata donata da un privato cittadino attraverso la Fondazione Bambino Gesù ONLUS.

Lo STEN è un servizio dedicato al neonato patologico (0-2 mesi con peso inferiore ai 5,5 kg) che assicura i trasferimenti dalle unità sanitarie della Regione Lazio alle strutture dotate di Unità Operative di Terapia Intensiva Neonatale e di Sub-Intensiva Neonatale

Il livello di competenze e la dotazione tecnologica consentono al servizio STEN del Bambino Gesù di trasportare e assistere, con il maggiore comfort possibile, neonati con patologie particolarmente severe che necessitano di assistenza specifica già durante il trasporto.

Rispetto alle normali ambulanze, la nuova vettura è stata progettata con appositi spazi che consentono di montare a bordo apparecchiature molto avanzate che rispondono a specifiche necessità

Sarà possibile, per esempio, iniziare già sul trasporto il trattamento con ipotermia terapeutica, necessaria in caso di asfissia perinatale. Sarà anche possibile trasportare neonati con patologie polmonari severe, come l'ernia diaframmatica congenita, che possono necessitare di ventilazione ad alta frequenza oscillatoria e/o di somministrazione di ossido di azoto.

L'ambulanza verrà inoltre dotata di appositi supporti ammortizzati che riducono i rischi di traumi da oscillazioni nei piccoli pazienti durante il trasporto.

Il servizio STEN della Regione Lazio è provvisto di un team medico-infermieristico dedicato ed effettua, in media, 1.200 trasporti l'anno. Di questi, 360 sono stati effettuati, nel 2018, dal team del Bambino Gesù. Il servizio funziona grazie a un centro di coordinamento che riceve le richieste di trasferimento dei neonati patologici, effettua una prima consulenza telefonica per stabilire il triage, coordina l'intervento secondo i bacini geografici di utenza e attiva il team deputato al trasporto. 

Il Centro di Coordinamento opera in stretto collegamento con l'Agenzia di Sanità Pubblica del Lazio e utilizza un sistema informatico che permette di visualizzare i posti letto disponibili (OPTIN, Occupazione Posti Letto nei centri di Terapia Intensiva Neonatale) in Regione. Ogni anno più del 90% dei neonati trasferiti per motivi chirurgici affluiscono al Bambino Gesù.