Una protesi realizzata con una stampante 3D

Stampa Pagina

e-NABLE è una protesi fatta in casa con una stampante 3D.

Ci ha pensato Jose Delgado che è nato con una malformazione che ha impedito lo sviluppo completo della sua mano sinistra. Jose ha chiesto a un amico, Jeremy Simon, di aiutarlo a mettere a punto una protesi per la sua mano che fosse personalizzata e che costasse possibilmente meno delle soluzioni utilizzate finora. Una protesi con un dispositivo che consente il movimento con un meccanismo mioelettrico costa circa 42000 dollari, l'equivalente di oltre 30000 euro.

Delgado aveva qualche problema nell'uso della protesi soprattutto durante il lavoro quotidiano che comporta il sollevamento di scatole e confezioni di un certo peso e nella guida dell'auto, specie nella presa del volante. La protesi fatta in casa con la stampante 3D è di plastica nera e non ha la pretesa di imitare forma e colore dell'arto umano. Tuttavia la prova comparativa mostrata nel video suggerisce che la protesi prodotta con la stampante 3D è più funzionale nella presa di oggetti di una certa dimensione e nella presa di oggetti sottili come il volante di un'auto. Il meccanismo di comando è abbastanza semplice e si basa sull'inclinazione del polso e una serie di tiranti collegati.

Costa circa 50 dollari, quasi un decimo della protesi professionale. Jeremy Simon ci ha preso gusto e sta lavorando ad un nuovo prototipo di e-NABLE con un materiale diverso (nylon) e con un tipo di presa differente.

Se dovesse funzionare vorrebbe dire che il paziente potrebbe con una spesa ragionevole avere a disposizione diverse soluzioni secondo l'uso previsto. e-NABLE viene dal nome della comunità che ha permesso la realizzazione di questo progetto e che mette insieme volontari con diverse competenze (soprattutto quelle tecniche) per realizzare progetti benefici. Tra i beneficiari del progetto per lo sviluppo di una protesi c'è anche un bambino: Liam. 

 

a cura di:
Dott. Alberto Eugenio Tozzi
Resp. Area di ricerca Malattie Multofattoriali e Fenotipi Complessi
Resp. Unità di Telemedicina
Twitter: @Dottor_T

 

$titoloGallery

$descrGallery

$titoloGallery

$descrGallery