Nuovo Coronavirus: con i test antigenici rapidi per COVID-19 sarà tutto più facile?

L'utilizzo dei nuovi test antigenici rapidi potrebbe essere un valido aiuto nel controllo dell'infezione da SARS-CoV-2 e nella gestione dei focolai 

La ricerca e la gestione dei contatti (contact tracing) dei casi di COVID-19, malati o solo asintomatici, è di particolare importanza per limitare la diffusione della pandemia da SARS-CoV-2.
La diagnosi di infezione viene fatta con il cosiddetto "tampone nasofaringeo" che quando è analizzato con una sofisticata tecnologia molecolare (la Polimerase Chain Reaction o PCR) fornisce una diagnosi di certezza sia dell'infezione che della sua assenza o dell'avvenuta guarigione dal COVID-19. Per questo viene anche chiamato test molecolare o tampone molecolare.


In un momento in cui il numero di test da fare per contenere la diffusione del nuovo coronavirus è aumentato notevolmente, la complessità di questa analisi di laboratorio, il tempo necessario per l'esecuzione e per avere la risposta (e il costo), tuttavia, hanno a volte imposto un isolamento di molti giorni ai contatti e spesso anche ai familiari dei contatti.
Sempre più è quindi necessario utilizzare dei test che siano attendibili e di facile utilizzo, rapidi ed economici.

La ricerca ha recentemente permesso di identificare alcuni test, i test rapidi per la diagnosi di COVID-19 o test antigenici rapidi, poiché basati sulla ricerca di antigeni (parti del virus) che hanno le seguenti caratteristiche:

  • Rapidità di esecuzione con risposta in 30 minuti circa;
  • Facilità di esecuzione, anche in ambienti non attrezzati (negli studi medici o nelle infermerie scolastiche);
  • Capacità di individuare i malati (sensibilità) quando la carica virale è elevata;
  • Basso costo perché possano essere ripetuti più volte.

Test di questo tipo – i test rapidi o test antigenici rapidi – sono recentemente stati prodotti e messi in commercio. Alcuni sono assolutamente innovativi tanto da poter essere fatti da ogni medico anche in autonomia, un po' come il test di gravidanza che spesso viene fatto a casa.
Tuttavia, l'attendibilità e la sensibilità dei test antigenici rapidi non è equivalente a quella dei test molecolari in PCR. I test antigenici rapidi per la diagnosi di COVID-19 sono meno sensibili dei test molecolari in PCR.
Questo aspetto pone il problema dei cosiddetti "falsi negativi", cioè persone che in realtà sono infette ma che hanno un test antigenico rapido negativo perché l'esame è stato fatto male o il campione raccolto è insufficiente o il periodo in cui è stato effettuato non corrisponde a quello di massima replicazione del virus, ad esempio troppo presto dopo essere entrati in contatto con una persona infetta, quindi con una infezione non ancora pienamente sviluppata.


Secondo alcuni esperti questi problemi di bassa sensibilità dei test antigenici rapidi possono essere superati utilizzando questi test in maniera ripetuta dopo il possibile contagio: 2 o 3 volte a distanza di 3 – 6 giorni ciascuno.
Si potrebbe controllare nel tempo l'eventuale inizio dell'infezione e aumentare di molto la sensibilità: 3 test negativi avrebbero una accuratezza simile al test molecolare classico.


L'utilizzo dei test antigenici rapidi per la diagnosi di COVID-19 deve tuttavia essere raccomandato dal Ministero della Salute. Potrebbero costituire un valido ausilio nel controllo dell'infezione e nella gestione dei cluster, per esempio, al livello scolastico.
Tuttavia bisogna ricordare che anche quando il test è negativo, tutti dobbiamo continuare a lavarci le mani, indossare mascherine, fare attenzione al distanziamento ed evitare di riunirci in gruppo. I test, ovviamente, "non possono sostituire le misure di controllo di base che devono essere messe in atto per tenere sotto controllo questo virus".

Sfoglia online lo speciale di 'A scuola di salute' dedicato al Nuovo Coronavirus:

 

ATTENZIONE
Se tu o i tuoi conviventi avete sintomi del COVID-19, resta in casa e chiama subito il tuo pediatra di libera scelta o il tuo medico di medicina generale. Altrimenti, chiama uno dei numeri di emergenza regionali indicati sul sito del Ministero della Salute.

 

Iscriviti alla newsletter per ricevere i consigli degli specialisti del Bambino Gesù.


  • A cura di: Guido Castelli Gattinara
    Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell'Adolescente
  • in collaborazione con:

Ultimo Aggiornamento: 26 marzo 2021


 
 

COME POSSIAMO AIUTARTI?

 

CENTRALINO

  (+39) 06 6859 1

PRENOTAZIONI (CUP)

 (+39) 06 6818 1
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
Sabato, 8.00 - 12.45

PRENOTAZIONI ONLINE


URP

Informazioni, segnalazioni e reclami  (+39) 06 6859 4888
Lunedì - Venerdì, 8.00 - 16.00
  urp@opbg.net


UFFICIO STAMPA

 (+39) 06 6859 2612   ufficiostampa@opbg.net

REDAZIONE ONLINE

  redazione@opbg.net

DONAZIONI

  (+39) 06 6859 2946   info.fond@opbg.net

LAVORA CON NOI

  risorseumane@opbg.net