Ascesso cerebrale

Stampa Pagina

18 aprile 2017

 

CHE COS'È

L'ascesso cerebrale è un processo infettivo localizzato che può presentarsi con un'ampia varietà di sintomi e segni clinici a seconda del numero, della localizzazione e delle dimensioni dell'ascesso. Può essere determinato da agenti batterici, micobatterici, protozoi e funghi. Si tratta di una patologia rara: la sua incidenza annuale è di circa 0,3 – 0,9 nuovi casi per 100.000 abitanti e cresce nei pazienti con un sistema immunitario compromesso o nei pazienti trapiantati, in cui i principali microrganismi causali sono opportunistici. La maggior parte dei pazienti che sviluppano un ascesso cerebrale ha nella propria storia delle condizioni predisponenti (ad es. traumi penetranti, interventi neurochirurgici, infezioni dell'orecchio o dei seni paranasali).    


I SINTOMI

La classica triade di sintomi è rappresentata da cefalea, febbre e deficit focali neurologici, sebbene i pazienti possano presentare soltanto alterazioni comportamentali o disturbi cognitivi.


DIAGNOSI

Gli accertamenti d'immagine da eseguire sono: la TC con mezzo di contrasto (mdc), per confermare la presenza di una massa; la risonanza magnetica con mdc, per definire le caratteristiche della massa e distinguerla da altre patologie (ad es. lesioni tumorali). Contribuiscono alla diagnosi anche alcune alterazioni di laboratorio (ad es. indici di infiammazione e globuli bianchi elevati). Nei pazienti in cui la causa dell'ascesso non è evidente né vi sono condizioni predisponenti, può essere avvenuta la disseminazione ematica da focolai infettivi in altri organi (ad es. polmone, denti, cavo orale, cuore). 


TRATTAMENTO

Identificare l'agente patogeno è fondamentale per iniziare una terapia antibiotica mirata e richiede un intervento di aspirazione del contenuto cistico dell'ascesso per coltivare il liquido prelevato. La durata della terapia antibiotica endovena raccomandata in caso di infezioni batteriche è di 6-8 settimane e può essere convertita in terapia orale dopo 2 settimane nei pazienti con una buona risposta clinica. La terapia non va interrotta se la cavità ascessuale è ancora visibile nei controlli di risonanza. I progressi della diagnostica, della chirurgia mini-invasiva e delle terapie antibiotiche, hanno permesso una migliore prognosi e una sensibile riduzione della mortalità e morbilità.


a cura di: Dott. Carlo Efiso Marras e Dott. Federico Vigevano
in collaborazione con:
Bambino Gesù Istituto per la Salute