Bambini con patologie complesse: formazione dei genitori sulla gestione della emergenza domiciliare

Stampa Pagina

02 maggio 2018

PERCHE' FORMARE I GENITORI

L'arresto cardiorespiratorio extraospedaliero in età pediatrica si verifica in circa 1/10.000 bambini per anno nei paesi industrializzati, i 2/3 dei quali sono bambini con meno di 18 mesi di vita. Circa il 45% è causato da cause indeterminate, tra cui la morte improvvisa in culla. Per il resto le cause principali sono: trauma (20%), patologie croniche (10%), insufficienza respiratoria (6%). 

La mortalità per arresto cardiorespiratorio fuori dall'ospedale nei bambini è elevata.

Quando la rianimazione viene avviata presto da persone che assistono all'evento, la sopravvivenza aumenta. La maggior parte dei sopravvissuti ha un buon esito neurologico a lungo termine. 

Diffondere la formazione alla Rianimazione CardioPolmonare (RCP) di base nella comunità, in particolare tra le persone che hanno maggiori probabilità di assistere a un arresto cardiaco che avviene fuori dall'ospedale, può ulteriormente migliorare la prognosi.

I corsi di rianimazione cardiopolmonare di base e disostruzione delle vie aeree rivolti ai non sanitari permettono di aumentare il numero di persone in grado di prestare immediatamente soccorso in caso di arresto cardiaco o di ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo, in attesa dei soccorsi avanzati.

La "catena della sopravvivenza" descrive la serie di interventi la cui esecuzione precoce, rapida e coordinata può consentire la sopravvivenza degli adulti e bambini colpiti da arresto cardiaco.

Il rispetto di tutti gli anelli della catena

(una chiamata tempestiva ed efficace dei soccorsi avanzati (112/118), 

una rianimazione cardiopolmonare precoce e corretta,

una diffusione capillare del defibrillatori semiautomatici (DAE),

le cure avanzate da parte del personale medico) è fondamentale quando si verifica un arresto cardiaco improvviso.

 

SCOPO DEL CORSO

Gli obiettivi sono:

istruire i genitori ed in generale i caregivers (coloro che si prendono cura del bambino) di neonati con prematurità e con patologie croniche complesse con aumentato rischio di morte improvvisa sulla gestione dell'emergenza domiciliare;

aumentare la sicurezza a domicilio dei pazienti in dimissione dai reparti di terapia intensiva/sub-intensiva neonatale e chirurgia neonatale, istruendo i loro genitori sulle manovre di Rianimazione Cardio Polmonare di base e disostruzione delle vie aeree da corpo estraneo 

 

COME SI SVOLGE IL CORSO

Da circa 20 anni, l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è attivo nella formazione alle manovre di RCP a personale sanitario e non sanitario. Dal 2016 è stato realizzato un progetto nato dal lavoro di squadra dei Dipartimenti Emergenza Accettazione, Direzione sanitaria, Dipartimento di Neonatologia medica e Chirurgica, di formazione sulla gestione delle emergenze domiciliari rivolto ai genitori/parenti di bambini in dimissione dai reparti del  Dipartimento di Neonatologia medica e Chirurgica. Sono stati realizzati corsi, di RCP di base e manovre di disostruzione, resi peculiari per rispondere alle esigenze dei caregivers di bambini con patologie complesse. I corsi sono stati realizzati da istruttori del centro PBLSD-OPBG-SIMEUP (Società Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica), con un rapporto istruttore/genitore di 1/4 della durata di circa due ore, con prevalenza di esercitazioni pratiche su manichini, con cadenza settimanale.

RISULTATI RAGGIUNTI

Da febbraio 2016 stati formati 280 caregivers (158 mamme, 102 papà, 12 nonne, 8 zie) di 197 lattanti, che nel 62% dei casi erano nati pretermine (dei neonati pretermine il 30 % non aveva altre patologie associate). Nel 70% dei casi erano presenti comorbidità.

Erano affetti da cardiopatia congenita il 35% dei lattanti, da malattia polmonare cronica il 25%, da malformazioni gastrointestinali il 12% mentre nel 10% dei casi si trattava di pazienti in dimissione con monitor per la presenza di apnee prolungate, il 6% dei lattanti era portatore di tracheostomia.

I genitori hanno mostrato una buona performance nell'apprendimento del massaggio cardiaco, con una adeguatezza nella profondità, velocità e sede del massaggio nell'80% dei casi e nell'esecuzione delle manovre di disostruzione in circa il 90%. 

 

COME ISCRIVERSI AL CORSO

Per i pazienti ricoverati nel Dipartimento di Neonatologia medica e Chirurgica, i genitori vengono inseriti in un programma definito con un apposito calendario e la richiesta va effettuata tramite il medico del Reparto di degenza.

Per i genitori, e in generale per il personale non sanitario, è possibile iscriversi a un corso di RCP ed avere la certificazione di esecutore PBLSD/BLSD ed uso del defibrillatore, tramite il seguente link

Dipartimenti coinvolti: DNMC, DEA

Referenti del progetto: Dottoressa Anna Maria Musolino , Dottoressa Annabella Braguglia 

Istruttori: Dottoressa Maia De Luca, Dottoressa Michela Massoud, Massimiliano Graziani.


a cura di: Dott.ssa Anna Maria Musolino