Cisti mediana del collo, cisti del dotto tireoglosso

Stampa Pagina

13 novembre 2018

CHE COSA E' 

La cisti mediana del collo, anche detta cisti del dotto tireoglosso è una condizione congenita dovuta alla mancata chiusura di un dotto da cui, durante la gravidanza, si sviluppa la ghiandola tiroide. Quest'ultima infatti nasce da un abbozzo che è presente a livello della base della lingua (forame cieco) e che si porta in basso fino alla regione del giugulo, alla base del collo. Al termine di questo processo di migrazione il dotto residuo si dovrebbe chiudere. Nei bambini in cui questo processo non avviene il dotto residuo si sviluppa ulteriormente a creare una formazione cistica situata in genere nella porzione mediana del collo anteriormente all'osso ioide. 

Questa patologia rappresenta circa il 30% delle tumefazioni del collo in cui rientrano anche le cisti branchiali, i linfangiomi e gli emangiomi.  

COME SI MANIFESTA  

La cisti mediana del collo viene diagnosticata tipicamente nei bambini di età inferiore a 5 anni, raramente al di sotto dell'anno di età, e quasi sempre prima dei 20 anni.

Nella maggioranza dei casi la presenza di una tumefazione è l'unico segno clinico: la sua posizione è centrale nella regione anteriore del collo ma, per motivi embriologici, può essere disposta in un punto qualunque di una linea immaginaria che dalla base della lingua giunge fino alla regione del giugulo (nel 60% dei casi strettamente adiacente all'osso ioide, nel 24% al di sopra, nel 13% al di sotto e nell'8% dei casi con sede  all'interno della lingua).

In circa i ¾ dei casi la sintomatologia è legata alla presenza di una lesione di dimensioni comprese tra 1 e 2 cm, di consistenza duro-elastica, mobile sui piani superficiali e più fissa sui profondi, che si muove con gli atti della deglutizione. Nel rimanente ¼, può essere presente una fistola, apertura della tumefazione verso l'esterno che si è formata a causa di un'infezione della cisti stessa.

In mancanza di fenomeni irritativi o infettivi la cisti mediana del collo non provoca dolore e non sono presenti tumefazioni dei linfonodi del collo. Al contrario, in caso di infezione, la parte si presenta fortemente arrossata, dolente e con linfonodi ingrossati.

Molto raramente, nei pazienti più piccoli e nelle tumefazioni di volume più importanti, specie se posizionate alla base della lingua, possono essere presenti difficoltà alla deglutizione o alla respirazione.

COME SI FA LA DIAGNOSI

La diagnosi di cisti mediana del collo è fondamentalmente clinica coadiuvata da una indagine ecografica. L'ecografia è perentoria non tanto per la descrizione della lesione quanto per avere informazioni sulla presenza e sulla normalità della ghiandola tiroide e per evitare i rari casi di asportazione accidentale della tiroide che può verificarsi quando la ghiandola tiroidea ha una posizione differente da quella usuale (tiroide ectopica). E' un'evenienza che si verifica nell'1-2% dei casi non studiati ecograficamente.

COME SI CURA  

L'intervento chirurgico è l'unico trattamento che può portare alla risoluzione definitiva del problema.

E' generalmente indicato attendere i due anni di età e soprattutto un periodo di "benessere" dal punto di vista di eventuali episodi di infezione localizzata alla cisti mediana del collo, per i quali è consigliabile un iniziale trattamento antibiotico.

Per tale motivo, fatta diagnosi esuperati i due anni di età, l'indicazione è quella di procedere il più tempestivamente possibile con l'intervento chirurgico per evitare ripetuti episodi di infiammazione che possono aumentare il rischio di recidiva locale. 

L'intervento di Sistrunk, che prevede l'asportazione della cisti insieme alla porzione centrale dell'osso ioidee e di tutti i residui duttali fino al forame cieco, è l'intervento che assicura il minore rischio di recidiva, possibilità che può verificarsi, anche a notevole distanza di tempo nel 20% dei casi a causa della possibile presenza di sottili ed invisibili dotti accessori. 

L'intervento si svolge di norma in anestesia generale, con un ricovero ordinario e valutazione anestesiologica preoperatoria. L'intervento inizia con un'incisione orizzontale, a livello della cisti, lunga pochi centimetri e praticata lungo una plica cutanea per renderla meno visibile. 

Al termine dell'intervento, in caso selezionati, ove il tessuto circostante la cisti appare infiammato (conseguenza della infezione della cisti e/o della sua fistolizzazione), o in caso di reintervento per recidiva, può essere posizionato un drenaggio per evitare il formarsi di un ematoma (raccolta di sangue nella cavità operatoria), che fissato alla pelle sarà rimosso, in genere dopo due-tre giorni. La durata del ricovero ospedaliero viene in genere condizionata proprio dal posizionamento o meno del drenaggio. 

QUALI SONO LE COMPLICANZE

Le principali complicanze dell'intervento di asportazione della cisti mediana del collo sono:

- Dolore per qualche giorno alla masticazione, alla deglutizione ed ai movimenti del collo, in genere ben controllato con i comuni antinfiammatori-antalgici; 

- Emorragie post-operatorie, quali complicanze sia pure infrequenti di ogni atto chirurgico; talvolta l'emorragia può causare un ematoma compressivo del collo che provoca difficoltà respiratoria e che richiede un reintervento; l'emorragia massiva è rarissima; 

- Infezione della sede dell'intervento (che nel caso della regione del collo può generare ascesso o infezione estesa del collo), generalmente ben controllata da terapia antibiotica;

- Cicatrizzazione esuberante della cute (cheloide), evento generalmente legato ad una predisposizione congenita del paziente, oppure reazione abnorme a seguito dell'esposizione a raggi solari in qualsiasi stagione dell'anno, maggiormente in estate; 

- Recidiva, ossia formazione di una nuova cisti, sempre possibile anche se l'intervento è stato correttamente eseguito; si manifesta con la ricomparsa della tumefazione o dell'orifizio fistoloso da cui può fuoriuscire un eventuale scolo mucopurulento.

COME SI PREVIENE

Non c'è nulla che si possa fare per prevenire la cisti mediana del collo. L'unico consiglio è quello che operare prima che avvengano gli episodi di infezioni locale che, come detto, aumentano il rischio di recidiva. 


a cura di: Alessandro Inserra, Silvia Madafferi
Unità Operativa di Chirurgia generale e toracica
In collaborazione con: