Disturbo ossessivo-compulsivo

Si manifesta con pensieri ossessivi e comportamenti ripetitivi. Il parent-training può fornire ai genitori utili risorse per aiutare il bambino
Stampa Pagina

27 maggio 2020

CHE COS'È
Il Disturbo ossessivo-compulsivo o DOC è una malattia neuropsichiatrica caratterizzata da pensieri ossessivi associati a compulsioni (comportamenti ripetitivi o rituali da eseguire) che tentano di ridurre lo stato di ansia suscitata dall'ossessione.
Il disturbo può comprendere sia ossessioni (pensieri non voluti/intrusivi che il bambino non riesce a controllare/tollerare), sia compulsioni (comportamenti ripetitivi o rituali) che hanno la funzione di ridurre o annullare l'ansia o l'angoscia legata all'ossessione. Si manifesta indifferentemente nei maschi e nelle femmine con una prevalenza dell'1-2% della popolazione.

IDEAZIONE OSSESSIVA E RITUALI COMPULSIVI
Le ossessioni sono pensieri ripetitivi che possono riguardare tematiche di tipo morale, filosofico, sociale e religioso. In genere il bambino ha comportamenti di base meticolosi, pignoli, vi è un eccessivo bisogno di ordine. Si accompagnano con consapevolezza o meno del disagio provocato e compromettono l'attività di tutti i giorni. È molto frequente l'associazione con atteggiamenti fobici, ossia paure delle malattie, paure di contaminazione, di infezionI etc.
I rituali compulsivi consistono in comportamenti ripetitivi che seguono le ossessioni e che sono finalizzati a ridurre l'ansia che il bambino sperimenta a causa delle ossessioni. Compulsioni frequenti sono il lavarsi ripetutamente, il contare, il dover controllare continuamente o rituali ripetitivi di toccamento. 

QUANDO E COME SI MANIFESTA
Nel bambino piccolo sono più frequenti e visibili i comportamenti compulsivi, spesso difficili da differenziare dai tic. Dall'età scolare, parallelamente allo sviluppo dei processi intellettivi, si organizzano le idee ossessive che hanno il loro picco di comparsa intorno alla pubertà.

COME SI FA LA DIAGNOSI
La diagnosi viene effettuata attraverso una dettagliata raccolta delle notizie sui problemi del bambino insieme alle informazioni relative ai comportamenti riferite dai genitori. La manifestazione dei comportamenti caratteristici del disturbo viene confermata e messa alla luce attraverso la somministrazione di specifici test psicopatologici. Il riferimento diagnostico è il DSM-5.

COME VIENE EFFETTUATO IL TEST
Per fare la diagnosi Disturbo ossessivo-compulsivo si utilizzano specifiche batterie di test che comprendono test di intelligenza e interviste cliniche psicopatologiche per escludere altri sintomi associati (principalmente ansia/tic e depressione). Ovviamente il colloquio clinico e l'osservazione comportamentale insieme ai racconti dei genitori o di chi si prende cura del bambino/adolescente sono prioritari.

COME SI CURA
Una volta diagnosticato il Disturbo ossessivo-compulsivo, la cura ha l'obiettivo di contrastare e bloccare le idee ossessive e i conseguenti rituali compulsivi. Ci si avvale di trattamenti psicologici cognitivo-comportamentali sul bambino/adolescente e di un supporto basato sull'addestramento dei genitori (parent-training genitoriale).
Quando sia l'ideazione ossessiva che i comportamenti compulsivi sono particolarmente invalidanti, con particolare sofferenza e con interferenza nelle attività quotidiane, si possono utilizzare specifici trattamenti farmacologici di supporto, come farmaci antidepressivi (con effetto antiossessivo). 

QUAL È IL COMPORTAMENTO PIÙ ADATTO
La gestione dei comportamenti ossessivi-compulsivi in ambito domestico diventa fondamentale.
Interventi specifici come il parent-training hanno lo scopo di fornire ai genitori strategie di intervento e informazioni finalizzate al mettere in atto comportamenti che non rinforzino il sintomo, ma che al contrario ne riducano la frequenza.
Va evitato inoltre che i comportamenti rituali e compulsivi coinvolgano anche la famiglia, che spesso può amplificare inconsapevolmente il disagio del bambino.


a cura di: Francesco Demaria
Unità Operativa di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza
In collaborazione con: