Emocromo

Stampa Pagina

02 febbraio 2017

COSA E'?

L'emocromo, abbreviazione comunemente usata per "esame emocromocitometrico" è un esame di laboratorio tra i più frequentemente richiesti dal medico per la diagnosi di numerosissime malattie.

Consiste nella conta e nella valutazione delle dimensioni e della forma delle cellule del sangue e delle piastrine, nella misurazione dell'emoglobina, dell'ematocrito e di altri parametri del sangue.  
 

LE CELLULE DEL SANGUE

Il sangue contiene tre tipi di cellule:
- Globuli rossi
- Globuli bianchi
- Piastrine

Tutte queste cellule si formano nel midollo osseo dove vanno incontro a un processo di maturazione e vengono immesse nel sangue.
 

GLOBULI ROSSI

Chiamati anche eritrociti sono cellule che contengono l'emoglobina, la proteina ricca di ferro che trasporta l'ossigeno dai polmoni a tutti i tessuti.

Reticolociti

Globuli rossi immaturi, appena rilasciati dal midollo osseo. 
 

GLOBULI BIANCHI

Chiamati anche leucociti, comprendono vari tipi di cellule:

- Linfociti, che giocano un ruolo essenziale nella difesa da tutte le infezioni fabbricando anche gli anticorpi o immunoglobuline e uccidendo le cellule infettate dai virus.

- Granulociti neutrofili, che giocano un ruolo altrettanto importante nella difesa delle infezioni inglobando e distruggendo i germi che aggrediscono l'organismo.

- Granulociti eosinofili, essenziali per la difesa dai parassiti come i vermi. Hanno anche un ruolo molto importante nei fenomeni allergici.

- Granulociti basofili, come gli eosinofili hanno un ruolo importante nella difesa dei parassiti e intervengono nelle reazioni allergiche.

- Piastrine, sono in realtà frammenti di cellule (i megacariociti) che, quando un vaso sanguigno si rompe o si lacera, si aggregano nell'area della lesione per fermare l'emorragia. 


ESAME

Il campione di sangue necessario viene prelevato con un ago inserito in una vena superficiale. Viene quindi trasportato nel laboratorio di analisi e analizzato rapidamente per mezzo di un'apposita apparecchiatura.


A COSA SERVE?

Molte malattie si manifestano con alterazioni nel numero e, talvolta, delle dimensioni o della forma delle cellule del sangue.

Anemia
La malattia più comune è l'anemia che consiste in un numero di globuli rossi inferiore alla norma. I sintomi dell'anemia sono il pallore, la debolezza, le pulsazioni rapide e la stentata crescita nei lattanti e nei piccoli bambini. Può essere causata da scarsa produzione di globuli rossi da parte del midollo osseo oppure da una accelerata distruzione dei globuli rossi.

Neutropenia
La neutropenia consiste in un numero di globuli bianche inferiore alla norma. Alcuni bambini nascono con una forma congenita di neutropenia. Molti altri vanno incontro a neutropenia perché in trattamento con farmaci, soprattutto chemioterapici.

Linfopenia
La linfopenia consiste in un numero di linfociti inferiore alla norma. Alcuni lattanti nascono con linfopenia e sono estremamente suscettibili a qualunque tipo di infezione: soffrono di una grave immunodeficienza congenita. Anche l'infezione da HIV (AIDS) può causare linfopenia.

Piastrinopenie
Le piatrinopenie si verificano quando il numero delle piastrine è inferiore alla norma. L'evenienza più frequente è la Porpora trombocitopenica immune.
Può rappresentare una manifestazione di leucemia oppure può essere causata da chemioterapia.


I VALORI NORMALI

Per stabilire se i valori del bambino sono normali, è necessario confrontarli con i valori normali di riferimento, operazione facile nell'adulto ma più complicata nel bambino perché i valori normali cambieranno notevolmente a seconda dell'età. E' quindi necessario che il risultato dell'emocromo venga sempre valutato dal pediatra che conosce i valori normali di riferimento e che può comunque consultare tabelle con i valori normali per l'età. 

Tabella: parametri principali dell'emocromo
Denominazione Sigla Significato
Globuli rossi sangue GR o RBC Numero dei globuli rossi per mmᶟ di sangue
Emoglobina HB
Grammi di emoglobina presenti in un dL di sangue
Ematocrito HCT % del volume di sangue occupato dagli eritrociti
Volume corpuscolare medio MCV Volume medio di globuli rossi in femtolitri (fL)
Contenuto cellulare medio di emoglobina MCH Quantità media di emoglobina contenuta in ogni globulo rosso in picogrammi (pg)
Concentrazione cellulare media di emoglobina di globuli rossi MCHC Concentrazione media di emoglobina in un decilitro (dL)
Ampiezza della distribuzione eritrocitaria  RDW Ampiezza della distribuzione del volume dei globuli rossi attorno al suo valore medio in %
Reticolociti Ret % di reticolociti circolanti nel sangue
Piastrine PLT Numero di piastrine per mmᶟ di sangue
Volume piastrinico medio  MPV Volume medio delle piastrine in femtolitri (fL)
Globuli bianchi WBC Numero di globuli bianchi per mmᶟ di sangue
Neutrofili N % di neutrofili sul totale dei globuli bianchi
Neutrofili N Numero di neutrofili per mmᶟ di sangue
Linfociti L  % di linfociti sul totale dei globuli bianchi
Linfociti L Numero di linfociti per mmᶟ di sangue
Monociti M % di monociti sul totale dei globuli bianchi
Monociti M Numero di monociti per mmᶟ di sangue
Eosinofili E % di eosinofili sul totale dei globuli bianchi
Eosinofili E Numero di eosinofili per mmᶟ di sangue
Basofili B % di basofili sul totale dei globuli bianchi
Basofili B Numero di basofili per mmᶟ di sangue

a cura di: Alberto Giovanni Ugazio
In collaborazione con: